Skip to content

8 ragioni per cui non saremo mai Chiara Ferragni

Perchè la prima notte passata lontana da Leone Lucia Ferragni lei ha sorriso al mondo intero invece di affondare la testa sul cuscino pieno di briciole di biscotti invocando a gran voce l’assoluzione al Gran Giurì delle mamme pancine. E non ha chiamato i nonni quelle 47484 volte (non ho visto tasche porta telefono nel vestito rosa indossato a Cannes) atte a tranquillizzarla. E il suo seno non ha dichiarato indipendenza producendo latte in Francia al primo vagito del bambino in Italia (in che quota latte rientrerebbe oltretutto?)

Perchè a 9 giorni dal parto ha indossato un immacolato accappatoio bianco. Solo una madre può capire. Per inciso, a 9 giorni dal parto voi facevate la doccia regolarmente? E si è fatta massaggiare – da un massaggiatore: avrà messo lo slippino di carta?

Perchè nel primo mese post partum ha spesso scelto dei pantaloni modello cargo abbinati a scarpe con suola carroarmato. La depressione nella vita normale. La depressione al cubo con gli ormoni che ballano la macarena dopo aver partorito. Come non sembrare magra anche quando magra lo si è. Perchè, sempre a proposito di abiti, ha avuto il coraggio di vestire in rosa Alberta Ferretti a un mese e mezzo dal parto. In rosa. Roba che noi saremmo sembrate il pupazzo Tenerone dopo la disintossicazione.

Perchè bacia il suo compagno spesso e volentieri. Cioè, voi siete diventate madri, vi sentite potenti più di Obama (ma senza Air Force One disponibile H24), che Ve frega del vostro partner? Voi dovete nutrire, coccolare, pulire, cambiare, amare l’essere umano più meravigliosamente meraviglioso del mondo e mentre state facendo tutto questo vi sembra quasi di sentire un’interferenza un zzzzzzzzzz di sottofondo. Dannazione brutta mosca esci da questa casa! Ah no, non è un insetto, è il vostro lui che chiede “cosa c’è per cena?”. E la cena chiaramente non è contemplata nei vostri piani, voi vi nutrite di amore a profusione e nel poco tempo libero guardate 24 ore in sala parto per singhiozzare e commentare l’episodio via WhatsApp con la vostra amica delle Mamme di luglio. Chiara no, per Chiara il suo Federico è ancora importante: stoica.

Perchè esce fuori a cena. Al primo figlio (dal secondo in poi si organizzano aperitivi in corsia ancor prima delle dimissioni dall’ospedale). Nella vita di noi mamme comuni mortali il vino causa mal di testa che causa sonnolenza che causa pesante incazzatura del bebè che causa isteria della mamma che causa urla contro il papà che causa risveglio del neonato che causa isteria della mamma che causa urla contro il papà.

Perchè il suo decolletes è esploso, invidiabilmente Io ho allattato tre bambini e ho mantenuto la mia seconda scarsa anche con la montata lattea per poi precipitare verso una prima. E quando sono andata in negozio a comprare un reggiseno nuovo sono stata appellata Signora.

Perchè non viene assalita da dubbi educativi di stampo montessoriano. Qualche giorno fa ha postato un video del suocero che dava dello “scemo” (in senso affettuoso naturalmente) al piccolo Leoncino. Noi avremmo invocato Tracy Hogg in persona, pianto lacrime amare rinunciando definitivamente al sogno di assistere alla cerimonia della laurea ad Harvard classe 2040, chiamato l’amica psicologa per un consulto veloce, fissato la visita dal neurochirurgo infantile, finendo poi per dare la colpa di tutto al compagno/marito in quanto progenie del cattivone che ha osato turbare l’intatta psiche del nostro bambino.

Perchè le piace avere gente per casa, parecchia gente, amici di lui compresi. I suoceri. I cognati che passano per un caffè e un cucci cucci a Leoncino e si fermano per la cena, in 18. E lei non si deprime e non diventa aggressiva, sorride luminosa. Io di luminoso avevo solo le dita unte di patatine. Noi mamme comuni a pochi giorni dal parto odiamo tutti (e se ci penso è come se io non fossi mai uscita dal post partum…). E se casa nuova non è ancora pronta all’uso Chiara nostra non viene ospitata dai suoceri come nelle migliori famiglie. No, lei va in una suite di Palazzo Parigi mentre noi dormiamo nel lettino a castello del marito tra un Zack Morris appeso alla parete, la collezione di Coccodritti e lo swatch pop gigante appeso al muro.

 

22 comments on “8 ragioni per cui non saremo mai Chiara Ferragni”

  1. Cara, i soldi fanno la differenza…. a me lei sta ampiamente sulle balle, è di un falso unico.
    Neanche dovresti vedere le sue cosacce su istangram, a lei piace solo apparire, il figlio per lei è un oggetto.

    Voi si che siete una famiglia, e lo scrivo in caratteri cubitali!

    Ciao!

    1. Ti ringrazio per il complimento Paola ma noi non possiamo sapere come sia davvero lei o in generale tutti i personaggi famosi/pubblici. Può piacere o non piacere questo ci sta ma trovo molto brutto giudicare il suo essere genitore o quanto amore possa provare o non provare per suo figlio. Allora anche a me si potrebbe obiettare che coinvolgo i miei figli nella mia attività sul blog…

      1. Olga cara, di personaggi famosi e pubblici ne vediamo migliaia, ne abbiamo pure troppi hihihi! La differenza è notevole e parecchia tra la Ferry (come la chiamo io) e le altre mamme vippppissime: loro, pur avendo mille impegni e un lavoro impegnativo, sono anche “mamme” nel senso che si vede a occhio e sensazione che i figli fanno parte dei loro pensieri, anche se non è mostrato sul social. Il piccoletto in questione invece è l’ultimo dei loro problemi. Ti faccio una domanda: c’è un qualcosa della Ferragni che ti fa sembrare che sia una mamma nella vera parola? Foto e video di Leone a parte (perché mostrarlo come fanno loro è far vedere che c’è e basta, come il loro cane. C’è, nient’altro). Io vedo solo egocentrismo e piena concentrazione su di se stessa e sul quel poveretto del compagno ogni tanto.
        Tu coinvolgi i tuoi figli nella tua attività e fai benissimo, sei una mamma e loro sono il tuo quotidiano. Questa è una “piccola” differenza.
        Sono intervenuta per dirti che loro sono una pessima pubblicità per le mamme.
        Ognuna ha il suo carattere per carità, ma la Ferragni non va presa assolutamente in considerazione. Antipatia che provo nel suoi confronti a parte, è proprio un esempio che non va seguito. Sarà stata brava a fare soldi, solamente questo.

  2. ahhahaha!!! io mi infastidisco ancora adesso se ho troppa gente in casa…pensa come potevo prenderla ad un mese e mezzo dal parto, del primo figlio poi!
    chiara ferragni for president!

  3. Olga, ma tu segui questi due citrulli? Sono due burini e alieni, ma su, se proprio devi meglio che ti fai due risate con il Ken Umano, Rodrigo Alves. Almeno facciamo vedere che noi italiani siamo degli idioti, ma non alieni 😉

    1. Il Ken Umano non so chi sia 😀 mai sentito, comunque li seguo nella misura in cui posso leggere un giornale che parli di moda (che poi è l’argomento che mi interessa rispetto alla Ferragni). Fedez in quanto cantante non mi piace, noi siamo per il rock duro e puro ahahah

  4. Chiara Ferragni🔝🔝🔝🔝🔝provo una sana invidia verso di lei. 1 perché grazie ai soldi è sempre sempre perfetta. 2per l’appartamento a Palazzo Parigi e per la casa immensa che sta ultimando. Non ci resta che rosicare!!!😂

  5. Bellissimo articolo! La tua ironica descrizione della lussuosa vita di Chiara, ti fa sorridere mentre la leggi, ma riflettere poi in un secondo momento. È uno spaccato di società che onestamente non capisco e non condivido. Sono d’accordissimo con Paola, lei non mi è mai piaciuta. I suoi post su Instagram sono tutti mirati alla pubblicitá, di una vita che forse neanche le appartiene, come se fosse parte di un film o di una recita.
    Anch’io, quando ho visto le foto/video della serata a Cannes, sono rabbrividita. Nel vedere quante persone girano attorno a loro, a lei. Fotografi, gente pagata per tenerle alzato il vestito! E lei apparentemente radiosa, con un bambino piccolo a casa che ha bisogno di lei. Sono queste poi, le persone che meritano di stare sulla testata dei giornali italiani, come esempio dei giovani italiani all’estero, che hanno avuto successo?
    Ripeto, da futura mamma di un maschietto e da emigrata all’estero, in America, mi fa pena.

    1. In realtà il mio intento era trasmettere il messaggio (attraverso l’ironia) che le mamme (soprattutto al primo figlio) sono spesso molto ansiose ed esagerate sotto alcuni profili. Lo dico perchè sono stata io così, davvero tanto te lo assicuro. Credevo di non poter fare più nulla se non stare attaccata a mio figlio giorno e notte. Ti dico solo che mi sono staccata da lui due ore per la prima volta quando aveva già compiuto tre mesi e questa cosa a posteriori non mi ha fatto bene. E hai ragione, è vero, sulle copertine dovrebbero starci anche gli scienziati, i ricercatori, i letterati ma come in ogni ambito vale la regola della domanda e dell’offerta. Un po’ come quando mi incavolo perchè vedo lavorare parecchio blogger che non sanno scrivere in italiano corretto (livello prima elementare), la risposta è che il pubblico medio vuole questo. Triste? Non lo so, so solo che lo snobbismo e la presunta superiorità morale non portano più a nulla

      1. Olga, il tuo messaggio lo abbiamo capito benissimo, era ovvio che fosse fondato sull’ironia. Ma come ha detto Deborah, questi due neanche dovrebbero esser presi in considerazione, è come vedere il Grande Fratello (che quest’anno è da brividi tra una Moric fantasma tutta rifatta, uno che ha fatto 60 interventi chirurgici ed è una bambola per assomigliare alle barbie e altri soggettoni che mettono in evidenzia la beata ignoranza italiana – da evidenziare: io non vedo questi programmi monnezza, ma purtroppo come la ferragni&fedez sono nelle prime pagine dei quotidiani – no comment – come se fossero l’argomento più importante del giorno e da prendere in esempio). Mandano un messaggio totalmente sbagliato. Purtroppo molti italiani non sanno riconoscere cosa imitare o meno. Ed è questo il grosso problema.
        Come hai detto tu, bisognerebbe dare più spazio a cose più preoccupanti (il governo…), la cultura, la scienza, non a questi due che passano la vita su istangram a far vedere quanto so belli e ricchi. Fanno una gran pena e non meritano neanche una minima attenzione. Ci andassero dietro i follower/ blogger che non sanno scrivere in italiano 😉
        Resti sempre una grande, Olga, il tuo blog è sempre un piacere seguirlo.

        PS: per il fatto che non riuscivi a staccarti da tuo figlio, ognuno ha il suo carattere, io quando lo lasciavo 4/5 ore a mia madre per “respirare” un pò…avevo i sensi di colpa.
        Ma non andavo in giro come la Ferragni a fare la figa.

    1. Ma no dai Ludovica come possiamo noi arrogarci il diritto di dire che genitori sono e saranno? Potrà essere un bambino fortunato o “sfortunato” in base a come andrà la sua vita per diverse ragioni esattamente come tutti i bambini che conosciamo o non conosciamo.

  6. TI AMO OLGA ….. mi fa “pisciare” dal ridere ……. il Tenerone è stato il top ….. VIVE LE MAMME COMUNI 😍😍😍

    1. Guarda a me non creano nessun tipo di “sentimento” in particolare, l’unica cosa che posso dire con certezza è che non mi piace affatto la “musica” di Fedez 😀

  7. Articolo divertentissimo Olga! Personalmente ritengo la Ferragni una giovane donna intelligente ed emancipata che ha saputo cogliere l’onda di una nuova nicchia nel mercato. È un esempio di successo, come lo sono oggi tante ragazze in molti ambiti lavorativi. Il fatto che non sia un settore “impegnato” poco importa. Qeullo che mi “salta all’occhio” nei commenti (non nell’articolo che é squisitamente ironico), è come ciò che non si obbietta mai ad un uomo e padre invece si condanna in una donna e madre. Suvvia un po’ più di solidarietà femminile, Leone mi par tutt’altro che patito o sfortunato.

    1. Quoto in pieno Sara!Del resto quanti padri ricominciano con le trasferte di lavoro e i normali orario a 2 giorni dal parto?(tipo il mio :-D)

      1. Hai ragione, effettivamente nessuno critica lui, nè per il suo lavoro, che può essere altrettanto frivolo, nè per il suo modo di essere papà, che noi vediamo solo attraverso le foto e stories che lui sceglie di farci vedere e quindi onestamente dietro le quinte non sappiamo proprio nulla!! Sinceramente se facessi il terzo prenderei più spunto da loro che da altri…. personalmente vorrei essere stata un po’ più easy. Quel bambino non trarrà molto vantaggio da tutti quei regali che ha ricevuto, ma sicuramente ne trarrà dal fatto di avere una mamma più rilassata e spensierata, che non ha dovuto rinunciare al suo lavoro e al suo tempo.

  8. Onestamente io seguo da poco i due giusto per curiosità…. credo da poco prima che rimanesse incinta. Ci sono giorni che non li guardo proprio altri che mi sganascio a vedere le differenze della stessa scena ripresa da lui o da lei (lui cattura momenti molto più normali di lei e del contorno). Non mi piace la musica di lui, non li venero e non li odio, proprio perchè per me sono persone che non conosco. Non è naturale per me giudicare (a meno che una persona non venga a giudicare me!). Quindi buon per loro… io vivo bene anche senza carrozzina di Fendi, piuttosto invidio il massaggiatore a casa 😀 ma se devo essere sincera, col secondo figlio, mi sono regalata un po’ di massaggi , lo lasciavo coi nonni, poco tempo, già nutrito e loro muniti di artificiale e biberon d’emergenza, ma bastavano le loro braccia che lo cullavano…. L’ho capito al secondo figlio. Se avessi avuto più soldi forse avrei fatto di più? I soldi aiutano certo ma a volte è la nostra mentalità…riceviamo tanti vestitini che non useranno mai ma forse noi mamme abbiamo pure bisogno di qualche regalo….per stare meglio noi, che già appunto è difficile. E’ difficile avere gente per casa, è difficile perchè ti senti sempre tutta ammaccata, stanca, poo presentabile… guardare la Ferragni mi sta ricordando questo. Sì, lei ha i soldi, può molto più di quel che avrei potuto io, ma cambiare la mentalità lo posso fare anche io. Quello che invece mi dispiace e che sento ancora più evidente guardandola, è che lei può portare suo figlio al lavoro, perchè è padrona di farlo. Lei non deve affrontare umilianti colloqui e sentirsi dire da capi donne/madri che per lavorare nella tua azienda ed essere madre devi scegliere la baby sitter. Lei è padrona di se stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.