Autore: Olga Zappalà

Inseguire i sogni e trasformarsi con…Original Marines!

baby fashion

Inseguire i sogni e trasformarsi con…Original Marines!

Barbie è stata la migliore amica della mia infanzia ed un modello da imitare: una ragazza indipendente ed intraprendente, capace di trasformarsi e reinventarsi dall’alto dei suoi tacchi 12 e con un armadio in stile Diavolo veste Prada.

56 anni a lottare contro lo stereotipo della “bella ma stupida”. 56 anni a fregarsene dei suoi detrattori perché in fondo lei ha sempre seguito un unico motto “I can be”. Ha saputo indossare Versace, Moschino e Valentino, con il sorriso sulle labbra nonostante un piede anatomicamente incapace di tenerla in piedi senza supporti esterni e il dolorino dei tacchi a ricordarle che a noi donne prima si chiede tutto – attenzione all’estetica, grande cervello, ironia, intelligenza e voglia di fare senza mai lamentarsi e poi, si parte con le critiche perché no, una donna così non può essere reale e trasmette un messaggio fuorviante alle nuove generazioni.

Continua la lettura

Bianca Zoe: la prima notte nella sua nuova cameretta

Family life

Bianca Zoe: la prima notte nella sua nuova cameretta

Abbiamo traslocato da un paio di giorni tra l’euforia generale, la stanchezza estrema (ci sono circa 30 scatoloni che aspettano ancora di essere aperti) e la mia nostalgia per la vecchia casa, quella nella quale sono entrata incinta di Niccolò, quella dove ho portato i miei tre bimbi all’uscita dall’ospedale.

Allo scombussolamento derivante dal cambiamento si è aggiunta anche una grande novità: Bianca Zoe alla veneranda età di 20 mesi ha iniziato a dormire da sola nella sua cameretta – nella casa vecchia avevamo solo due camere da letto e la sua culla doveva, per forza di cose, stare accanto al mio letto.

Ammetto che questo passaggio mi preoccupava un po’: Bianca Zoe ha sempre avuto un sonno molto sereno e ha da subito dormito tranquilla  nel suo lettino; nell’ultimo periodo, però, complice l’inizio dell’asilo nido e qualche malanno di stagione, ha cercato spesso il contatto notturno con mamma e papà.

Continua la lettura

Casa nuova: la scelta degli infissi

Design

Casa nuova: la scelta degli infissi

La nostra nuova casa aveva uno stile (esteticamente parlando) che non rispecchiava i nostri gusti in fatto di arredamento. Il colore predominante era il marrone più o meno scuro e questo comprendeva anche (e comprende in parte) gli infissi ed i serramenti interni ed esterni.

Quanto alle porte interne abbiamo riflettuto a lungo sul da farsi con l’aiuto dell’architetto. Le porte esistenti erano di ottima qualità, fatte su misura dal falegname ma oltre ad essere marroni avevano una “fantasia” a quadrotti che mal si adattava allo stile della casa: Diciamo che per esigenze di budget abbiamo valutato l’ipotesi di tinteggiarle di bianco ma, conti alla mano, è stato subito evidente che la scelta migliore (solo di poco più costosa) sarebbe stata la sostituzione.

Continua la lettura

Come vestire i bambini ad Halloween

baby fashion

Come vestire i bambini ad Halloween

Non ho mai amato né Halloween né Carnevale. Da piccola naturalmente adoravo travestirmi ma ero perennemente in combutta con mia madre per la scelta dell’abito. Sono stata negli anni geisha, ballerina thailandese, Charlestone, ballerina di danza classica: credo che mia madre con le sue scelte volesse lanciarmi dei messaggi subliminali che evidentemente non ho colto.

Con i miei bambini non ho fatto comunque di meglio: anni fa ho acquistato un costume da banana che gira ancora in casa e si tramanda di fratello in sorella. Ho centinaia di foto di Niccolò, Edoardo e Bianca Zoe vestiti da banana, tutti disperati per il caldo e l’ingombro del travestimento.

Quanto ad Halloween per qualche tempo me la sono cavata egregiamente: Niccolò fino allo scorso anno era terrorizzato dai bambini che suonavano alla porta per fare dolcetto o scherzetto e così il 31 Ottobre ci barricavamo in casa fingendoci assenti e trattenendo il respiro al suono del campanello – un gioco molto divertente devo dire.

Continua la lettura