Skip to content

Le mamme dovrebbero essere felici sempre

Le mamme dovrebbero essere felici sempre: con il sole e la pioggia, con il vento e la grandine, con il mal di schiena e l’influenza intestinale, con tutti i virus naneschi, con le occhiaie e lo smalto sbeccato. Con il caffè che è finito a colazione ed il pacco di biscotti sbriciolati. Con i cartoni in loop alla tv ed i libri da leggere in fretta. Con i pannolini fetidi e le misteriose bolle che vengono fuori ogni venerdì sera. Con il traffico impazzito per strada ed il contrattempo dell’ultimo minuto. Con lo smartphone senza batteria ed il pediatra in vacanza.

Con le feste di compleanno da organizzare ed i viaggi da rimandare. Con le lavatrici da fare e l’improvvisa rottura dell’aspirapolvere. Con una collana di pasta ed una fatta di cannucce colorate da indossare, con la camicia sporca di sugo e l’insalata tra i denti. Dovrebbero essere felici anche se si useranno, di nuovo, le zeppe e la french manicure colorata. Quando i mariti comprano gli assorbenti sbagliati e il figlio dei vicini le chiama “signora”. Quando non dormono da 73 ore e quando dormono una notte intera con il bimbo in braccio – piedini sulla giugulare e testa sulla pancia – immobili per non svegliarlo. Quando il parrucchiere sbaglia la tinta e, nel frattempo – fuori – il vigile piazza una bella multa sull’auto – del marito ovviamente – ed esce fuori il Jack Nicholson in Shining che stava ben nascosto dentro di loro.

Quando la connessione wi-fi non va o quando il bimbo ha strappato e mangiato l’ultima pagina del libro che stavano leggendo. Quando la strada per andare in ufficio è improvvisamente chiusa per lavori, le maestre della scuola materna sono in sciopero e i jeans preferiti sono da lavare. Quando la Nutella è finita e l’unica cosa dolce che c’è in casa è il lievito vanigliato. Quando si esce fuori in giardino e parte l’irrigazione o quando l’inquilina del piano di sopra sbatte i tappeti sulla loro testa. Quando il figlio soffre di mal d’auto e l’unico “asciugamani” disponibile in auto è il foulard Hermès commoventemente acquistato con la tredicesima targata 2008 quando i bambini erano cooosì teneri – quelli degli altri. Quando arriva una lettera dell’agenzia delle entrate e quando si spedisce con la massima serietà quella per Babbo Natale. Quando a scuola si organizza la gara di torte e lo si scopre al suono della campanella delle 8:20. Quando la domenica sera bisogna imparare a memoria la filastrocca delle lettere buffe, memorizzare – anche la madre e i suoi ultimi stanchi neuroni – per dare il buon esempio.

Quando le scarpe per le quali hanno risparmiato 9 mesi (peggio – o meglio? – di una gravidanza) sono troppo strette o quando si ustionano per infornare il pane fatto in casa (o per i sofficini, poco importa). Quando a scuola tornano i pidocchi che nemmeno Albano e Romina tornano così spesso ormai. Quando fanno la spesa alle 18 del sabato pomeriggio e quando rimangono impigliate nella porta della metro. Quando trasportano zaini pieni di libri dei figli e quando nelle loro borse enormi non trovano le chiavi di casa ma 345 figurine Adrenalyn XL, 4 LOL, 3 pannolini taglia newborn del 2011 e un leccalecca sciolto sì. Quando vorrebbero farsi una birra con le amiche ma la tata si ammala, il marito si ammala, i nonni si ammalano e la terra viene colpita da un meteorite. Quando litigano pure con il cane e quando inciampano e cadono – in una pozzanghera di fango, perchè quello è SOLO fango, giustooooooo???

Quando si sentono fuori posto e sbagliate e inadeguate e le peggiori mamme sulla faccia della terra.

Perché poi sanno sempre rialzarsi, le mamme.

2 comments on “Le mamme dovrebbero essere felici sempre”

  1. Un po’ mi commuove, questo post. Un po’mi intristisce: perché le aspettative altrui sono davvero che le mamme debbano per forza essere sempre felici, purché abbiano figli sani (e non parlo di raffreddori oalattie infantili). E a volte non hai proprio bisogno di sentirti ripetere:” bè, però dai, hai dei figli bellissimi!” Come consolazione per ogni problema. Purtroppo siamo umane, per quanto forti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.