Biberon Nuk Nature Sense

Family life

Mamme, al biberon ci pensa papà!

Quando la mamma è fuori a cena con le amiche.

Quelle mattine in cui la mamma ha proprio bisogno di dormire (vedi dopo serata al punto precedente)

Le pigre domeniche pomeriggio in cui la mamma ozia sul divano leggendo un libro

Il primo weekend di primavera che la mamma festeggia alla grande con tutte le sue amiche ad Ibiza

La volta in cui la mamma si attacca al tiralatte pur di farsi uno spritz (prima il dovere e poi il piacere) o una bella peperonata in santa pace.

Biberon Nuk Nature Sense

Quella volta in cui la mamma è proprio impossibilitata a presenziare al momento pappa causa virus intestinale di origine scolastica che la costringe nella stanza più bianca della casa

Il pomeriggio trascorso in auto che diventa notte e mattina seguente per esondazione del torrente sulla direttrice ufficio-casa. Non pioveva così dal 1879.

Quando a una (la mamma) tocca la riunione scolastica “in tarda sera così è più comodo” e all’altro (il papà – fortunello lui) la cena.

Il primo weekend di primavera che la mamma festeggia con il botto in pronto soccorso. Con una botta di allergia devastante.

Quando la mamma ha prima il mughetto, poi le ragadi, poi un’infiammazione atipica e poi infine ha bisogno di una pausa – per usare un’espressione politicamente e mammescamente corretta.

Mamma, qualunque sia il motivo della tua assenza (indovina un po’ a quale elenco appartiene la sottoscritta?) al biberon ci pensa papà.

Ho allattato tutti e tanto: tre bimbi per parecchi mesi; allatto ancora Bianca Zoe che ha 14 mesi e mezzo, la allatto nonostante i suoi tentativi di amputazione del seno di mamma. Ma uso (da un paio di mesi, a partire dall’anno) anche il biberon, lo utilizzo al mattino per la colazione e per “integrare” la cena quelle sere in cui la piccolina ha poco appetito.

Il biberon è esclusiva competenza del papà. Come lo era anche nel mio caso, da piccola. Ricordo benissimo che il latte che preparava e mi dava mio papà era in assoluto il migliore (sospetto che aggiungesse dello zucchero per corrompermi – beati i tempi in cui si poteva mangiare anche lo zucchero).

Biberon Nuk Nature Sense

Marito ama citare la scena dei Griffin in cui Peter tenta di allattare al seno Stewie; per non arrivare a questo punto ho scovato per Bianca Zoe ed il suo papà il biberon studiato per imitare perfettamente l’anatomia del capezzolo materno durante la suzione: NUK Nature Sense “il più vicino alla natura di sempre”.

Già tra la fine degli anni 40′ e l’inizio degli anni 50′ gli esperti NUK inventarono in Germania la prima tettarella dalla forma asimmetrica, modellata sulla forma del capezzolo materno, “Naturale e adatta alla bocca del bambino”.

Biberon Nuk Nature Sense

La tettarella in silicone del biberon Nature Sense NUK è molto ampia ed extra soffice e ha una innovativa valvola anti-colica che blocca l’ingerimento d’aria ma la vera rivoluzione sta nelle tante piccole aperture presenti che imitano la fuoriuscita del latte materno (rendendo il flusso regolare e naturale). Durante la presentazione NUK alla quale ho partecipato qualche giorno fa ho infatti scoperto che il latte sgorga dal seno da un minimo di 7/8 dotti ad un massino di 16 dotti. Il numero aumenta all’aumentare dei figli e dalla lunghezza del periodo dell’allattamento (secondo voi quanto fa 3 figli per 14 mesi?). Le tettarelle del NUK Nature Sense sono create con un diverso numero di aperture, pensate sia per il latte materno che per il latte artificiale (più denso): basterà cambiare misura della tettarella con la crescita del bambino (da 0 a 6 mesi e da 6 a 18 mesi).

Biberon Nuk Nature Sense

Un biberon raccomandato da ostetriche e pediatri e testato dalle mamme: ben il 92% dei neonati accetta la nuova tettarella del biberon NUK Nature Sense e il 99% delle mamme lo raccomanderebbe alle amiche… e ai papà!

Biberon Nuk Nature Sense

32 anni, vivo a Milano con tre bambini, un Marito ed un grande armadio. Alterno vestiti a libri, parole scritte a quelle parlate.

Lascia un commento