Skip to content

Nintendo Labo: piccoli ingegneri (creativi!) crescono

Ho un ingegnere per marito, o un marito come ingegnere. Lo prendo spesso e affettuosamente in giro per il suo essere molto preciso, pignolo, pedante, quadrato, pratico e organizzato. Io vivo perennemente con la testa a metà tra la razionalità imposta dalla vita e qualche fantastica storia da immaginare e raccontare. Nella coppia ci compensiamo, io la pancia, lui la testa, i nostri bambini il cuore della famiglia.

Tra i bambini Niccolò è sicuramente il più simile caratterialmente e fisicamente al papà; mi ha fatto molto sorridere quello che mi è stato detto dalle sue maestre – non a conoscenza del mestiere di mio marito – al primo colloquio in prima elementare “Signora, Niccolò è proprio un piccolo ingegnere!”. Ecco, appunto. Edo, invece, è sensibilità e creatività, alla continua ricerca di una via alternativa ed inconsueta per risolvere i piccoli “problemi” che ogni gioco può porre ad un bambino.

Quando ho raccontato a Marito della mia collaborazione con Nintendo l’ho reso felice come o forse più di Niccolò e di Edoardo. E così, oggi voglio mostrarvi il “frutto” del lavoro degli uomini di casa durante una piovosa domenica pomeriggio estiva.

Guardarli, per me, è stato molto emozionante – oltre che impegnativo per la gestione di Bianca Zoe che avrebbe desiderato tanto partecipare alla costruzione del nostro Nintendo Labo.

Ma cos’è Nintendo Labo? Provo a spiegarlo alle mamme non ingegneri come me! Nintendo Labo è una nuova linea di esperienze interattive di gioco e costruzione da utilizzare con la console Nintendo Switch. Nella scatola Nintendo Labo troverete tutto il necessario per assemblare una serie forme di cartone (i cd. Toy-Con) che, combinate con la tecnologia della console, creano un’esperienza di gioco unica e davvero creativa. Con un percorso guidato e con diverse forme di cartone si potranno costruire una moto, un pianoforte, una macchinina, un robot, una canna da pesca e molto altro: oggetti questi all’interno dei quali inserire la console Nintendo Switch per giocare in modo interattivo; la moto prenderà vita e potrà essere pilotata e si visualizzerà sullo schermo una vera e propria gara, il pianoforte potrà essere suonato per creare fantastiche melodie, la canna da pesca con filo e cartone verrà utilizzata dai bimbi per cercare di pescare i pesciolini che nuotano sullo schermo della console.

Nintendo Labo

Nintendo Labo

Voglio confessarvi una cosa: non sono mai stata una patita di videogiochi – nemmeno da piccola e nonostante un fratello maggiore appassionatissimo; da un punto di vista educativo mi sono spesso chiesta quando, se e come introdurre i videogiochi tra i passatempi dei miei figli e questo, per noi, è il debutto assoluto, si tratta del primo gioco interattivo che entra in casa (per le ragioni che vi dirò).  In più, ho avuto sempre la certezza di essere negata per i lavori manuali e creativi e, invece, mi sono ritrovata a costruire e assemblare i Toy-Con con Niccolò (in occasione della realizzazione del video che trovate alla fine del post) divertendomi come una matta (e stupendo positivamente Nicco che partiva un po’ prevenuto sulle capacità della sottoscritta – tutto suo padre).

Nintendo Labo Nintendo Labo

La caratteristica di Nintendo Labo che più mi piace è il suo legame con i giochi di una volta, il suo essere un videogioco in cui oltre allo schermo c’è di più (citazioni di spessore!).

L’esperienza di gioco è educativa perché parte dall’assemblaggio di elastici e forme di cartone, come accadeva in un tempo nel quale si giocava e ci si divertiva con poco, per poi arrivare alla sorpresa (i bambini, ve lo assicuro, rimarranno a bocca aperta) per i Toy-Con che prendono vita grazie all’unione con la Nintendo Switch. Il gioco inizia ancor prima di iniziare a giocare e sviluppa creatività, senso pratico, attenzione e capacità di attesa nei bambini. Niccolò si è auto-eletto come vice ingegnere e aiutante del papà, Edoardo ha potuto esercitare la sua manualità (a volte tentennante proprio a causa della sua irruenza) e ha atteso con grande entusiasmo (e calma!) la fine della costruzione.

Nintendo Labo

Momenti unici di condivisione e di gioco per tutta la famiglia, ho visto un papà e suoi due bimbi complici e affiatati, sereni come non mai, nessun litigio tra i fratelli, nessuna piccola gelosia, solo la voglia di mettere in campo tutte le diverse “competenze” per dar vita ad un gioco assolutamente personalizzato. Un gioco a metà tra la razionalità e la fantasia che mi ha fatto capire quanta potenza ci sia nella creatività dei miei bambini…e di mio marito, bisogna ammetterlo!

Nintendo Labo Nintendo Labo Nintendo Labo

Nintendo Labo è disponibile in due kit: il Kit assortito e il Kit robot. Entrambi contengono tutto l’occorrente per portare in vita i Toy-Con, materiali per l’assemblaggio e software per Nintendo Switch inclusi (la console Nintendo Switch è venduta separatamente). Per maggiori informazioni vi consiglio di visitare il sito internet https://www.nintendo.it/nintendolabo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.