Io come Gwyneth (No il divorzio NO!)

baby fashion

Io come Gwyneth (No il divorzio NO!)

Io che sono iscritta alla newsletter  Goop da quando ho un indirizzo mail (che poi io l’abbia letta giusto un paio di volte è un’altra storia)

Io che ogni mercoledì sera vado a yoga con gli UGG e il tappetino in mano come se fossi a LA o  a Londra (anche se le mie compagne di yoga hanno età media 60 anni e nutrono una passione sfrenata per le tute in acetato anni 80’)

Io che, come lei, alcune mattine esco con vestiti approssimativi e i capelli non li pettino dal 1991 (e mi è capitato di tenere la maglia del pigiama sotto il piumino per portare all’asilo Niccolò)


Io che, come lei, soffro di gonfiore addominale (che quando viaggiamo si sa la stitichezza è dietro l’angolo) e se sei al mare è un casino (Gwyneth le 12 erbe funzionano!)


Marito che, come Chris, ama le tute grigie e non si taglia mai i capelli




Io che melosentivo che c’era qualcosa che non andava, stanotte ho pure dormito male, c’avevounpresentimento, ho sognato una mia amica incinta di una bimba che voleva chiamare Giuseppina mentre io compravo i biglietti per assistere alla requisitoria di un pm e tenevo in mano dei moscerini che poi fuggivano via (e dovevo pure cercarli)

Io che, (molto) in fondo ho trovato estremamente originale e per nulla volgare chiamare la figlia Apple. Chanel invece è imperdonabile

Io che, come lei, c’ho il marito musicista e con la barba (intramontabile cliché della soubrette, io Miss Liceo 2000/2001, con il musicista rock)

Marito che, come Chris, mi ha dedicato una canzone al nostro matrimonio (Better Man del Pearl Jam); io gli ho risposto con “Sarà perchè ti amo” dei Ricchi e Poveri

Io che, come lei, c’ho l’amica single da consolare post rottura e post sbornia



Io che al concerto dei Coldplay Milano 2008 ho portato 2 panini al tofu (non si sa mai incontravo Gwyneth e potevo offrirle pure la merenda)

Io che ricordo ancora nei dettagli la conversazione fatta al liceo con la mia amica Ori sul film Seven

Io che ho copiato il taglio corto di Gwyneth in Sliding Doors post corna. Ma su di me l’effetto era “professoressadiitalianoanzianadellascuolamedia”
(e comunque le mollettine tra i capelli le hai copiate tu da me bellamia)



Io che, a casa, quando ho freddo, mi distendo sul divano indossando un bel maglione pesante



Io che mangerei pannocchie a volontà (ma pulirle no Gwyneth, ti rovini la manicure)



Marito che, come Chris non da la paghetta ai figli per paura di viziarli

Io che, come lei, ho portato l’apparecchio ai denti per avereidentiinvidiabili che ho adesso (peccato che l’allattamento prolungato me li stia sfasciando)



Io che, con Marito, speriamo che me la cavo, anche perchè la notizia del nostro eventuale divorzio potrei darla solo sul mio blog ma a me nonmicaga nessuno

(Cara Gwyneth un consiglio: butta via tutto cio’ che ti ricorda la tua storia con Chris, ti aiuto io, faccio lo scatolone “Abiti da Red Carpet” e poi lo porto in discarica…o a casa mia!)

Tutti tranne questo: Gwyneth come hai potuto?


Io come Gwyneth (No il divorzio NO!)

baby fashion

Io come Gwyneth (No il divorzio NO!)

Io che sono iscritta alla newsletter  Goop da quando ho un indirizzo mail (che poi io l’abbia letta giusto un paio di volte è un’altra storia)

Io che ogni mercoledì sera vado a yoga con gli UGG e il tappetino in mano come se fossi a LA o  a Londra (anche se le mie compagne di yoga hanno età media 60 anni e nutrono una passione sfrenata per le tute in acetato anni 80’)

Io che, come lei, alcune mattine esco con vestiti approssimativi e i capelli non li pettino dal 1991 (e mi è capitato di tenere la maglia del pigiama sotto il piumino per portare all’asilo Niccolò)


Io che, come lei, soffro di gonfiore addominale (che quando viaggiamo si sa la stitichezza è dietro l’angolo) e se sei al mare è un casino (Gwyneth le 12 erbe funzionano!)


Marito che, come Chris, ama le tute grigie e non si taglia mai i capelli




Io che melosentivo che c’era qualcosa che non andava, stanotte ho pure dormito male, c’avevounpresentimento, ho sognato una mia amica incinta di una bimba che voleva chiamare Giuseppina mentre io compravo i biglietti per assistere alla requisitoria di un pm e tenevo in mano dei moscerini che poi fuggivano via (e dovevo pure cercarli)

Io che, (molto) in fondo ho trovato estremamente originale e per nulla volgare chiamare la figlia Apple. Chanel invece è imperdonabile

Io che, come lei, c’ho il marito musicista e con la barba (intramontabile cliché della soubrette, io Miss Liceo 2000/2001, con il musicista rock)

Marito che, come Chris, mi ha dedicato una canzone al nostro matrimonio (Better Man del Pearl Jam); io gli ho risposto con “Sarà perchè ti amo” dei Ricchi e Poveri

Io che, come lei, c’ho l’amica single da consolare post rottura e post sbornia



Io che al concerto dei Coldplay Milano 2008 ho portato 2 panini al tofu (non si sa mai incontravo Gwyneth e potevo offrirle pure la merenda)

Io che ricordo ancora nei dettagli la conversazione fatta al liceo con la mia amica Ori sul film Seven

Io che ho copiato il taglio corto di Gwyneth in Sliding Doors post corna. Ma su di me l’effetto era “professoressadiitalianoanzianadellascuolamedia”
(e comunque le mollettine tra i capelli le hai copiate tu da me bellamia)



Io che, a casa, quando ho freddo, mi distendo sul divano indossando un bel maglione pesante



Io che mangerei pannocchie a volontà (ma pulirle no Gwyneth, ti rovini la manicure)



Marito che, come Chris non da la paghetta ai figli per paura di viziarli

Io che, come lei, ho portato l’apparecchio ai denti per avereidentiinvidiabili che ho adesso (peccato che l’allattamento prolungato me li stia sfasciando)



Io che, con Marito, speriamo che me la cavo, anche perchè la notizia del nostro eventuale divorzio potrei darla solo sul mio blog ma a me nonmicaga nessuno

(Cara Gwyneth un consiglio: butta via tutto cio’ che ti ricorda la tua storia con Chris, ti aiuto io, faccio lo scatolone “Abiti da Red Carpet” e poi lo porto in discarica…o a casa mia!)

Tutti tranne questo: Gwyneth come hai potuto?


Shop-aholic del martedì

baby fashion

Shop-aholic del martedì

Maledetta primavera!!!

La natura si risveglia, gli umani tendenzialmente si addormentano (mai sentito qualcuno dire: “Ho sonno sarà la primavera?”) e il mio piccolo Edo decide che riposare è very out, roba per gente smidollata e priva di interessi.
Noi la notte si sta in piedi, lui a mordere spalle e braccia della mamma e a fare spuntini milk free  e io a (1) mangiare cioccolato fondente al Fior di Sale (ho una nuova ossessione) e 2) a fare shopping online.
[Inutile dire che chi ha inventato il detto “dormire come un bambino” NON AVEVA FIGLI (o soffriva di una grave forma di insonnia)].

In questi giorni a Milano è tornato il freschino, NE? (quando si diventa mamme PUFF improvvisamente la metereologia sale in cima ai propri interessi) ma sento che è comunque giunto il momento di tirar fuori i colori più FLUO della stagione (io ho già optato per un pigiama lime e turchese, può andare?).

Ecco qualche idea per i bimbi (sono più focalizzata sui maschietti, perdono!) e qualcuna per noi mammine depresse da mancanza cronica di sonno (oggi 11 mesi esatti!).

– The mini bag (www.theminibag.it) è lo chic outlet online del quale è co-fondatrice Martina Marchiorello mamma blogger di www.ciucciechiffon.it (diffidate dalle imitazioni!)

Qui (http://www.theminibag.com/prodotti-1-0-1999/ralph-lauren-polo-in-cotone) trovate un grande classico: la polo Ralph Lauren per bimbo e bimba (ruches anche su quella da maschio please!)
                                               

– Di Marc Jacobs il cardigan gold per bimbo e l’abitino trompe-l’oeil per bimba


– Le slip on stile skater “Leo” di Stella McCartney con fessure a forma di stellina per Bombetti che ci sta molto dentro
– E per Trombetti (e anche per me) le Tennis Bensimon (su http://eshop.bensimon.com/en/categories/8-tennis) a righe vintage

                                                   

                                                             (o io prendo quelle a pois?)

– Se siete in partenza potreste optare per il set di valigette in cartone nate dalla collaborazione tra l’illustratrice svedese Ingela P. Arrhenius e La Marelle Editions (Su http://www.bimbily.com/set-of-3-cardboard-suitcases-ingela-p-arrhenius-la-marelle-editions.html)

E se volete, almeno, tentare di tenere in ordine la cameretta senza ritrovare una macchinina dentro la scatola dei cereali (ce l’ho!) cosa c’è di meglio di una cesta portagiochi in rafia multicolore (sempre su http://www.bimbily.com/toy-storage-basket-multi-coloured-raffia-rice.html)?

Per tranquillizzare la piccola belva tenete sempre il ciuccio a portata di mano (voi fortunelle, Edo il ciuccio non lo vuole mica!) usando gli splendidi portaciucci personalizzati di Elalù Bijoux (negozietto che ho scoperto anni fa ad Alassio, pagina FB https://www.facebook.com/elalubijoux?fref=ts). Anche i bavaglini sono molto divertenti (ottima idea regalo per le neomamme; io regalo solo bavaglini e mini-accappatoio: a buon intenditor poche parole). 

Passiamo a noi mamme (finalmente!)

Io chesonounamadredifamiglia molto responsabile, una quasi 30enne, quasiadulta, per questa primavera chiedo molto poco:

– Un costume così per la nostra vacanza in Salento


– L’Hawaii Bag V73 in tessuto (sempre utile per eventuali rigurgiti dell’ultimo minuto)

– Un abitino per le serate passate fuori a mangiar panzerotti (che è pure largo e se mi gonfio no problem)

– Le scarpe Louboutin Pigalle con borchie colorate (che fanno tanto gioco dei chiodini anni 80’)

ma solo per starci a casa che io, con quei tacchi lì non ci so camminare;

– Abbinate alla nuova Shopping bag Gucci Swing (fucsia però)



– Un abito a righe Petit Bateau per il nostro soggiorno in Sicilia
(Che lo abbino  a questa maglia qui per Bombetti e Trombetti )

– questo completino sportivo Adidas by Stella McCartney   per una primavera all’insegna dello sport (chimiconoscelosa) su http://www.stellamccartney.com/it/adidas-by-stella-mccartney/donna/abbigliamento/
                                           
– Giusto una corsetta per smaltire i nuovi macaron  Ladurée“Marie-Antoinette”  color celeste chiaro, con ripieno bianco (http://www.laduree.com/fr_fr/)

– E per finire un abitino nero per il weekend in montagna (cheiohosempreamatol’arte e c’è semprerischiopioggia)  Opening Ceremony Magritte Collection (su https://www.openingceremony.us/products.asp?menuid=1&designerid=1993&main031014)

E ci scappa pure un regalino per Marito (Vans Authentic “Magritte” Collection)


E adesso scusate, vado a costruire un acchiappasogni per Edo con il mio nuovissimo kit (sempre su http://www.bimbily.com/diy-dreamcatcher-kit-turquoise.html


Grande Spirito e Stella Del Mattino pregate per me;-)















baby fashion

TOP OF THE POST #2: 24 marzo 2014

Oggi lunedì torna l’appuntamento con Top of the post la rubrica settimanale  di OrdinataMente (http://ordinata-mente.blogspot.it/p/top-of-post.html).

Il primo post che ho preferito questa settimana è “Peli” http://machedavvero.it/2014/03/peli/  di Chiara di Machedavvero, un grande classico per noi mamme! Questo post mi ha fatto divertire parecchio perchè anch’io mi sono trovata nella medesima situazione. Bombetti mi ha chiesto di mettergli lo smalto sulle unghie e sinceramente non me la sono sentita di dirgli “No, è una roba da femmine!”; è chiaro che lui voglia emulare me e il papà in tutto quello che facciamo. La soluzione di compromesso è stata: “è una cosa da grandi che potrebbe farti venire un’allergia (cos’è allergia mamma?!?) ma se ti va possiamo metterlo su un ditino soltanto!”

Il secondo post è di mammamogliedonna “10 comandamenti per leggere ai bambini”      http://mammamogliedonna.it/2014/03/10-comandamenti-per-leggere-ai-bambini.html : non vedo l’ora di farli miei!


 Il terzo post  http://pollon72.blogspot.it/2014/03/il-parco-giochi-non-e-per-tutti-i-bimbi.html riguarda una questione estremamente importante e che in quanto mamma mi tocca nel profondo: l’accessibiltà da parte dei bimbi con disabilità a tutti i parchi giochi. L’iniziativa parte da Mamma Claudia (autrice del post) e dalle mamme romagnole ma sarebbe bello si estendesse a tutte le regioni italiane.
Per informazioni potete andare anche alla pagina FB “Parchi con giochi accessibili per tutti i bambini” (e cliccare Mi piace!)
Perchè, per ogni bimbo, diritto al gioco significa diritto ad essere felice!

Buona settimana a tutti!
Mammaholic