Tag: come vestire i bambini

Annunciazione

baby fashion moda bambini

Annunciazione

No, non ho avuto una crisi mistica. Sono sempre la stessa mamma che alla domanda di Bombetti: “Ma se Gesù bambino è il mio fratellino, tu sei la sua mamma?”

Ha risposto:

“No vabbè Niccolò ma quanti figli deve avere la mamma?Non siete già in troppi?”

Comunque ieri abbiamo fatto l’ecografia morfologica della sorellina e poi abbiamo dato l’annunciazione (appunto) della gravidanza ai bambini.

“Niccolò noti niente di strano nella mamma?”

“Si, ha mal di schiena!”

“Ok ma poi?”

“Ha il pancione!”

“E cosa c’è nel pancione?”

“Tante mandorle?”

“No, riprova!”

“Un pallone?”

“No, magari ci potrebbe essere una bambina, una sorellina”

Si è illuminato. Mi ha guardata con uno sguardo dolcissimo e ha subito dato un bacino alla pancia. Edo intanto si occupava della distruzione del divano.

A seguire le domande di rito: “Quando arriva?Cosa mangia?Cosa beve?Fa pipì?Fa cacca?Ma mamma la sorellina non ha nessun gioco dentro la pancia!”

“Perchè la sorellina è entrata nella tua pancia proprio oggi?”

“Falla uscire un attimo così la mandiamo a scuola domani mattina”

“Prima era nella pancia di papà?”

Edoardo intanto si occupava della distruzione dell’amplificatore di papà. La questione non è stata assolutamente di suo interesse.

Al telefono con lo zio: “Edo allora qual’è la bella notizia di oggi?”

“Eh, che ho mangiato le cattagne!”

Della serie: una castagna per una sorellina. Che ha già più scarpe di Marito (il che comunque non è difficile).

Ecco l’ultimo acquisto, Gap Kids, le Bunny Mary Jane flats.

Gap

 

 

 

 

Moda bambini: cosa ci piace adesso!

baby fashion moda bambini

Moda bambini: cosa ci piace adesso!

La moda rimane la nostra grande passione (mia e vostra giusto?) e oggi voglio parlarvi di alcune collezioni, marchi, must have e capi che mi piacciono in questo periodo. Leggo spesso riviste specializzate anche estere alla scoperta di novità da condividere, eccovi quindi la selezione di ottobre su come vestire i bambini.

Partiamo dalle scarpe, per il prossimo autunno-inverno sarà (ed è) molto di tendenza l’animalier che a me piace a piccole dosi: una scarpa leopardata, meglio se sneaker, abbinata ad un outfit semplice sarà perfetta. Ecco il modello con borchiette Primigi.

Primigi

Non potranno mancare le classiche stringate inglesi di vernice nera, sempre Primigi.

Primigi

Sempre in tema di scarpe ecco le Start-Rite. Se ne volete sapere di più di questo brand inglese indossato anche dal principino George andate a leggere questo interessante articolo su Only4Kidz. Io vi mostro le classiche ballerine, con cinturino, per bambina e le stringate gold; anche in questo caso un tocco di animalier!

 

Avete già conosciuto Mimmo?Chi è Mimmo?Chi è MIMMO?Naturalmente il labrador retriever di Stefano Gabbana!

Dolce & Gabbana ha dedicato all’amico a 4 zampe una collezione baby (oltre che un pupazzo e un profilo Instagram personale @mimmothedog) con la quale vedrei benissimo la piccola inquilina del piano ammezzato.

dolce-and-gabbana-winter-2016-child-collection-117-zoom
Photo Credits dolcegabbana.com

Per bambine più grandi sarà d’obbligo il blouson, in due diversi colori Little Karl Marc John:

Little Karl Marc John

Little Karl Marc John

Dello stesso brand la camicia da maschio con i baffi:

Little Karl Marc John

Finiamo in grande stile con un marchio del quale vi ho già parlato e che sto rivalutando nell’attesa della bimba: Billieblush. Un capo imperdibile per la stagione invernale sarà infatti la gonna tutù da abbinare a calze di lana e a grandi quantità di tricot meglio se con i mitici (e molto anni 80′) pon pon.

Menzione particolare per il pull stile Jem & le Holograms e per i bavaglini da piccola gourmet (tutto Billieblush)

 

 

 

L’amore per i figli

baby fashion moda bambini

L’amore per i figli

L’amore per i figli è l’acqua bollente della doccia al mattino.

É un quadro di Pollock (un casino), un film di Sorrentino (incomprensibile), un romanzo russo (infinito).

É il sollievo che si prova dopo aver tolto un sassolino della scarpa (metaforicamente e non).

Il formicolio alla pancia prima di un esame importante e l’adrenalina che si prova dopo averlo superato.

É un salto nel buio senza protezioni, senza fine, senza lacci perché il paracadute sono proprio loro.

É svegliarsi al mattino mezz’ora prima del suono della sveglia e capire che non è ancora arrivato il momento di alzarsi.

É trovarsi in aeroporto agli arrivi in attesa di quel qualcuno e leggere sul tabellone la scritta “flight landed”.

É andare dal dentista e ricevere una botta di morfina bella forte e visualizzare campi di grano e unicorni rosa mentre lui vi estrae il dente del giudizio (perché voi non avete mai visualizzato unicorni?).

É impastare una torta al cioccolato e leccare il cucchiaio sporco di crema. E subito dopo rubare lo zucchero a velo spolverizzato sulla torta.

É togliere la calze ed indossare una gonna perché è già arrivata l’estate. E accorgersi che la depilazione dura ancora.

É ricevere la mail della biblioteca che recita: “Il libro che hai richiesto è pronto per il prestito”.

É mettere in ordine l’armadio a giugno e trovare una banconota nella tasca del cappotto invernale.

É trovarsi al semaforo rosso e avere davanti a sé due 50enni che si baciano in auto. Cioé a 50 anni vi baciate ancora spesso?

É scegliere la baby sitter in base alla foto di profilo di WhatsApp: per me vince quella che ha l’immagine di Kelly e Brenda al ballo della scuola.

É incontrare un’amica che vi deve assolutamente ed urgentemente parlare e scoprire che a) non è incinta e b) non si sposa ma che ha trovato un lavoro fichissimo in Australia e si trasferisce là (e voi andrete a trovarla al più presto).

É il profumo di zenzero e cannella natalizio e quello della crema solare in spiaggia. E pure quello della benzina quando si fa il pieno.

É pensare ad una battuta divertentissima che gli altri però non capirebbero (a me capita spesso, devo preoccuparmi?) e riderne da soli.

L’amore per i figli è giallo, poi rosso, a volte grigio, poi di nuovo giallo ed infine glitterato.

É portarli una domenica allo zoo indossando righe e solo righe. Grazie Petit Bateau! Bombetti e Trombetti indossano felpe della Collezione Primavera-Estate 2015, le trovate in negozio o sullo shop online Petit Bateau.

Petit bateauPetit Bateau Petit BateauPetit Bateau Petit Bateau Petit Bateau Petit Bateau Petit Bateau Petit Bateau Petit Bateau Petit Bateau

Petit Bateau

 

Tutine da neonato

baby fashion moda bambini

Tutine da neonato

Da un paio di mesi è partito il toto-gravidanza Mammaholic. Molte di voi mi hanno scritto chiedendomi se sia già arrivato il momento del terzo. Vi tranquillizzo, no non è arrivato. Se ho una luce negli occhi è a causa della congiuntivite allergica, se vi sembra che io abbia il seno più prosperoso è a causa del cotone che ho infilato dentro il reggiseno,  se credete che io abbia i capelli più luminosi vi consiglio di provare per 4 mesi almeno ogni mattina lo spray preventivo anti-pidocchi, funziona.

Eventualmente, nel lontano futuro, sarete le prime a saperlo, stavolta non farò come con la mia seconda gravidanza comunicata al mondo al quinto mese inoltrato.  Durante i saldi invernali (gennaio 2013- Edo è nato ad aprile) ho acquistato un caban Comptoir des Cotonniers, la commessa mi guardava con uno sguardo interrogativo “mmm no signora credo serva la taglia più grande!” “Senta lei io partorisco fra tre mesi, come si permette?”.

Anche le cicogne quest’anno hanno preferito fare il loro nido lontano da casa nostra, credo a causa dei rumori molesti provenienti dalla cameretta dei bambini. Quest’estate mi aspetta lo spannolinamento di Trombetti uno stress troppo elevato e non conciliabile con una nuova gravidanza. Ho tolto il pannolino a Niccolò quando Edo aveva 3 mesi. In quel mese la mia carta di credito ha registrato un picco di spese, mi sono sfogata con lo shopping (e no, non ho consigli per toglierlo velocemente, io alle regole da seguire non ci credo, noi siamo del partito “a casaccio” e del resto se non ci sono adulti che vanno in giro con il pannolino un motivo ci sarà, Keep calm and spannolina).

Detto questo, oggi vi propongo tutine da neonato: per il cugino, nipote, vicino di casa, compagno di asilo, conoscente alla lontana, fate un po’ voi. Godetevi il tempo in cui i vostri bambini non sono ancora in grado di scegliere cosa indossare da soli. Qualche giorno fa ho messo per la scuola materna a Bombetti una tshirt H&M, dopo 10 minuti l’ho rivisto con una diversa tshirt, stavolta Mini Rodini. “Mamma quella maglietta che mi hai messo non mi piace, ne volevo un’altra!”. Dentro di me un coro di alpini cantava canzoni di giubilo, un bambino che rifiuta H&M (senza offesa eh?) in favore di Mini Rodini, MIO FIGLIO. Un bambino che comprende Mini Rodini, marchio che non comprende nessuno nella mia famiglia, compreso Marito. Però ho dovuto fare la mamma irreprensibile e gli ho fatto indossare di nuovo la maglia H&M (la ragione vera è che temevo macchiasse l’altra all’asilo).

Ho divagato, ancora una volta, ma eccovi le mie 10 scelte tutte disponibili sullo shop online Smallable. Aspetto vostri commenti e intanto vado a farmi un panino marmellata e burro d’arachidi. Che voglia che ho!

Le Marchand d'etoiles
Le Marchand d’etoiles
Little Marc Jacobs
Little Marc Jacobs
Tutina  Louis Louise
Tutina Louis Louise
Mini Rodini
Mini Rodini
Petit Bateau
Petit Bateau
Body Minnie Little Eleven Paris
Body Minnie Little Eleven Paris

 

Le Petit Lucas du Tertre
Le Petit Lucas du Tertre

 

Bobo Choses
Bobo Choses

 

Babe & Tess
Babe & Tess
Body Soft Gallery
Body Soft Gallery