Tag: moda bimbi

Shopping e coccole con OVS Kids

baby fashion moda mamme

Shopping e coccole con OVS Kids

Che io abbia un debole per Edoardino l’ho spesso dichiarato, più per una questione di affinità e di compatibilità caratteriale. C’è anche una ragione più profonda: trovo che Edo abbia un ruolo difficile tra i fratelli, quello del bimbo di mezzo non più piccolo ma nemmeno abbastanza grande per poter fare tutto ciò che fa Niccolò. Edo è apparentemente estroverso ed impertinente ma nasconde una sensibilità nascosta ed inaspettata che non tutti sanno comprendere. Credo che, attualmente, sia, tra i miei bimbi, quello pù bisognoso delle attenzioni della sua mamma.

Qualche giorno fa gli ho proposto di passare qualche ora insieme, soli io e lui, facendo shopping presso lo store OVS di via Torino a Milano. La proposta comprendeva naturalmente alcuni benefit quali un trancio di pizza e una sosta in un negozio di giocattoli. La prospettiva, poi, di prendere la metropolitana che per noi gente di campagna è una roba esotica, ha fatto il resto. Sono andata a prenderlo a scuola addirittura in anticipo, una festa insomma!

Ecco gli outfit che io e Edo abbiamo scelto tra i capi della nuova Collezione primavera-estate 2017 OVS. Per le giornate al lavoro ho acquistato un abito dalla fantasia floreale da abbinare al giubbotto nero in ecopelle. Stessa giacca, OVS Kids, per il mio piccolino con inserti in felpa grigia e interni azzurri, perfetta con la felpa a righe e i jeans con coulisse.

Altra giacca in ecopelle ma in color senape per un look più easy con jeans, camicia bianca e ballerine. Per Edo ho scelto un capo utilissimo per la prossima primavera: una felpa con dettagli tecnici in neoprene da sfruttare anche come giubbotto.

Il giallo vitaminico sarà uno dei colori protagonisti della stagione e la felpa con cappuccio per bambini sarà perfetta per le lunghe ore tra scuola e parchetto. Giornate di corsa da affrontare con i pantaloni comodi verde militare, un grande classico che non può mancare nell’armadio dei bambini. Beige e dettagli ocra e senape anche per la mamma con lo spolverino a maxi righe e i classici pantaloni gamba dritta. Completa il look uno dei miei pezzi preferiti, la camicia a righe verticali azzurre e bianche con grandi ruches.

E, per finire al meglio il nostro pomeriggio di moda e tante coccole, l’outfit da rapper, decisamente il più apprezzato dal piccolo Edino: una tuta rivisitata con una camicia “felpata”, t-shirt parlante e delle sneakers bianche modello basket.

Così vestiti abbiamo scattato un’importante foto per dire, anche noi, NO al Bullismo. OVS, infatti, in collaborazione con Fare x Bene Onlus ha promosso e sostenuto il progetto BullisNO nato per aiutare insegnanti, genitori e ragazzi a creare i necessari strumenti per affrontare insieme il problema del bullismo e del cyberbullismo grazie soprattutto alle competenze delle psicologhe di Fare x Bene Onlus, ad un percorso di formazione online ed alla stesura di un decalogo “BullisNO bulla chi perde” rivolto a noi genitori. 

Attraverso un contest lanciato da OVS i ragazzi hanno lavorato alla realizzazione di un video sul tema del rispetto dei pari e della lotta al bullismo e, lo scorso 31 gennaio, per festeggiare la fine del progetto si è celebrata la Prima Giornata Nazionale contro il Bullismo nelle scuole.

Se volete anche voi “copiare” ed acquistare i nostri outfit (sia kids che per mamme!) visitate il sito ufficiale OVS con un comodissimo e-commerce dove troverete l’intera collezione spring-summer 2017.

Z: collezioni a prova di bambini

baby fashion moda bambini

Z: collezioni a prova di bambini

Ottimo rapporto qualità-prezzo, stile, qualità e collezioni irresistibili: Z (già Z generation) si rifà il look con una grande operazione di restyling iniziata lo scorso maggio.

Z, “per i bambini dalla A alla Z”, è il brand francese di moda kids (di Kidiliz Group) nato nel 1983 e diventato ormai leader nel settore in tutta Europa con più di 500 punti vendita in 15 paesi.

Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele

“Questo progetto” afferma Cinzia Camozzi, (Country Manager per l’Italia del brand Z), “nato sotto la Direzione di José Aparisi (Direttore Generale del marchio Z in Francia) è la vera e propria traduzione dei Nostri valori. ACCESSIBILITA’: ci siamo rifatti il look, è vero, ma per i nostri clienti rimane sempre l’ottimo rapporto qualità prezzo delle collezioni proposte che si contraddistinguono per stile, qualità e confort. La CREATIVITA’: venire da Z deve essere una vera e propria ESPERIENZA e, per questo, abbiamo deciso di introdurre nei nostri nuovi negozi, dei prodotti innovativi che non solo decorano l’area di vendita, ma possono essere acquistati dai nostri clienti. Infine, l’ENTUSIASMO. Cerchiamo ogni giorno di condividere la nostra passione e di diffondere Z e i suoi valori: per Noi di Z, la vita e il rapporto genitori/figli è una relazione da condividere e un’avventura formidabile da vivere insieme”.

Qualche giorno fa io, Niccolò e Edoardo abbiamo avuto la possibilità di vedere in anteprima il nuovissimo negozio Z presso il c.c. Carosello di Carugate (MI) che è stato trasformato e rivoluzionato nell’ottica del rebranding (da qui al 2018 l’intera rete vendita italiana sarà rinnovata).

Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele

img_5843

Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele

Cosa ci è piaciuto? Io ho particolarmente apprezzato la collezione autunno-inverno 2016/17, tra i miei pezzi preferiti le piccolissime ballerine in vernice da neonata in nero o rosso e il maglione da maschietto (ma perchè no anche da femmina) con la volpe must have di stagione. Non mancano le gonne in tulle per bambine abbinate a maglie in tricot lavorate. Ottima idea regalo per Natale le box (regali ad effetto WOW a partire da 20 Euro) contenenti, ad esempio, pullover (con la renna che suona o con il naso di Babbo Natale che si illumina) e muffole abbinate per una perfetta foto da scattare sotto l’albero. Non solo abbigliamento ma anche oggettistica e piccoli accessori, bambole, cuffie per ascoltare la musica con stile, lampade per la cameretta dei più piccoli e kit per feste grandiose.

Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele

img_5839

Nic e Edo, dopo essersi divertiti a preparare i biscotti con colorata pasta di zucchero grazie ad un divertente cooking lab, hanno iniziato a correre e giocare in lungo ed in largo per il nuovo store che è progettato a misura di bambino (la prova “Edo” è stata ampiamente superata!). I negozi Z hanno un layout totalmente rinnovato nello stile e nei materiali, legno per il pavimento, metallo per gli scaffali e grigio scuro a creare un ambiente caldo e nel quale i clienti possono vivere una vera shopping experience.

img_5837 img_5829

Altra novità il sito z-eshop che permette uno shopping online con navigazione multi device e preziosi servizi come la possibilità di prenotare online e ritirare i capi, senza impegno, in negozio dopo averli provati, il blog dedicato ai bambini e il servizio, salvavita per noi genitori, per ritrovare il doudou perso.

Cosa aspettate a scoprire tutto l’universo Z?

Ph Credits: Andrea Mele
Ph Credits: Andrea Mele

img_5826

Aggiornamenti in diretta 38+5

baby fashion moda bambini

Aggiornamenti in diretta 38+5

38+5 tutto tace. All’asilo nido imperversa indisturbata la varicella, alla scuola materna la gastroenterite, la mamma ha preso il raffreddore ed un colpo della strega nuovo di zecca. Già me lo vedo un travaglio con schiena bloccata, non farsi mancare niente, per noi, è diventato uno stile di vita. Marito millanta improvvisi impegni di lavoro.

Sono stata ammessa a due nuovi gruppi su WhatsApp, quello del nido e quello delle mamme del corso preparto: discussioni per ogni fascia d’età, spazio dall’inserimento della fettuccia per l’induzione del parto a come gestire i terrible twos al torneo di calcio in programma il prox weekend, al POF per il prossimo anno scolastico. Grazie al cielo non abbiamo animali domestici, non avrei potuto reggere un dibattito sui croccantini.

A Milano è in pieno svolgimento la Fashion Week che, allo stato attuale, genera in me lo stesso interesse del torneo di burraco delle amiche di mia madre. O della questione sfida tra mamme su Facebook.

Fratella, nell’attesa, ha un nuovo outfit, un mix and match pois e righe, firmato Baby Gap. Da indossare con il gilet in denim rosa anche questo Gap.

Baby Gap

Gap

Noi ci sentiamo domani per nuovi aggiornamenti dal fronte casadovenonsipartoriscemai.

Marito inviato speciale a Pitti Bimbo

baby fashion moda bambini

Marito inviato speciale a Pitti Bimbo

Ho creato un mostro: Marito l’esperto di moda bambini.

Lui mi ha accompagnata al Pitti Bimbo, immagino perché temesse la nascita di una figlia fiorentina. O forse per mangiarla la fiorentina. Da 1 kg e 300 gr, la fiorentina non la bambina.

Treno in partenza da Milano, lui ha iniziato ad indicare quelli che, a suo (modesto) parere si stavano recando alla manifestazione di moda per bambini. Quelli vestiti peggio, quelli con l’acqua alta in casa e conseguente pantalone al polpaccio e scarpa con grosso plantare. Ha iniziato ad innervosirsi. E mentre io leggevo il nuovo numero di Vogue Bambini lui commentava così: “deliziose queste scarpine, sono in cavallino?”, “ohhhh che cariiiina questa felpina, è in cotone bio o sbaglio?”, “non dirmi che si tratta di un autentico Mini Rodiniiii!”.

Due giorni così.

Ha sproloquiato su atteggiamenti, usi, costumi, omologazione di massa, sulle scarpe stringate da donna, su occhiali da vista troppo grandi, pellicce (come concetto, ce l’ha su anche con quelle ecologiche), social, sul perché il Pitti non si svolga a Palazzo Pitti, sui vegani, i crudisti, i presunti intolleranti al glutine, su quelli che indossano un cappello a falde larghe già a colazione (e pure un Borsalino), i tatuati, su quelli che bevono il Golden Milk e su sua moglie (naturalmente) che rientra in un buon 90% di queste categoria.  Per fortuna si è fermato un attimo prima di dire la sua su come risolvere il problema del buco dell’ozono.

Ma alla fine, incredibile ma vero, ha apprezzato, tra le foto che gli ho mostrato, la strepitosa collezione QuisQuis by Stefano Cavalleri Collection Preview FW16-17. Tra atmosfere lunari, passando per Napoleone, Maria Antonietta o gli zar, QuisQuis ci restituisce tessuti meravigliosi, lavorazioni artigianali ed accostamenti preziosi che non dispiacerebbero neppure a noi mamme.

Stefano Cavalleri è un genio oltre ad essere un grandissimo esperto in fatto di moda per bambini e la sua energia è sempre travolgente, se ci penso bene il bello della moda è questo!

Quanto al mio inviato speciale, credevo di avere un Marito minimal ed invece scopro di averne uno barocco. Inizierò a preoccuparmi quando vedrò le sue caviglie spuntare da un risvoltino ai pantaloni…