moda

Le 5 tendenze del prossimo autunno

Il marsupio è ri-tornato. Era già tornato lo scorso autunno, poi è andato a farsi un giro nel paese del cattivo gusto e adesso è di nuovo tra noi. Non riesco a farmene una ragione non tanto perché dissento dal punto di vista estetico quanto perchè fa subito ciccia e brufoli. Noi tutte avevamo il marsupio Best Company, Camomilla o Naj Oleari, ce lo regalava la migliore amica per il nostro 13esimo compleanno. Andava ad acquistarlo con il nostro fidanzatino dell’epoca con il quale un attimo dopo limonava su una panchina del parchetto. Insomma, la classica migliore amica che non solo ti fregava il fidanzato (vantandone da sempre bruttezza e stronzaggine) ma per giunta ti faceva un regalo di merda giusto per renderCI più brutte ed impresentabili il giorno in cui avremmo scoperto la liaison segreta.

La scena: avvisti i due che si baciano e corri disperata, in lacrime, con il tuo marsupio che penzola e ti rende ancor più goffa e sgraziata.

Marsupio

Marsupio

Il jeans in tutte le salse, soprattutto a zampa e a mezza zampa. Dicesi mezza quella lunghezza ammazza-gambe, ammazza-libido, ammazza-TEVI voi che lo avete ideato. Non sta bene a nessuna, nemmeno a quelle che si chiamano Kate (Moss, Middleton, Hudson, le Kate sono tutte fiche tranne la Winslet in Titanic). Figurati alle Olghe abituate come sono a vestire corpetti e abiti in broccato della corte degli Zar.

Jeans

Il gilet lungo. Fico. Mi piace.  Si si lo compro. Ma ‘ndo vado? Mi arriverebbe alle caviglie, Bombetti lo userebbe come liana, Trombetti per pulirsi il naso (lui è nella fase del dito perennemente nel naso).
Per giunta dovrei indossarlo con degli shorts molto corti e mi servirebbe l’abbronzatura di Anna dello Russo. Le mie gambe aspettano tempi migliori, quelli in cui tutti i miei figli frequenteranno (come minimo) la scuola media.

Lo squinching. Termine inventato dal fotografo Peter Hurley, trattasi della tecnica di trucco ed espressione per cui si stringe l’occhio, si allunga la palpebra inferiore e si abbassa quella superiore. Peter ha scoperto l’acqua calda, io lo squinching lo ottengo naturalmente senza fatica e senza nemmeno un filo di trucco ogni volta in cui Trombetti, a voce altissima, urla in pubblico “Mi fa male il culoooo!” e io strizzo gli occhi chiedendomi da chi mai avrà sentito questo termine inappropriato e perché mai sono sempre i miei figli ad essere i più maleducati del locale/posto dove ci troviamo. Davvero Peter, io faccio degli sguardi così intensi ma così intensi che se guardi bene nei miei occhi puoi perfino vederci le ore di travaglio che mi sono sparata per far nascere questi qua.

Trucco occhi

Il mix and match di capi e tessuti: ho visto parecchie gonne leggere in seta o tulle da abbinare a maglioni pesantissimi, in lana grossa. Adesso, aldilà della differenza climatica tra sopra e sotto, io, per dire, mi sono sempre stupita per gli stranieri che usano pantaloncini+felpa+infradito come se sopra avessero freddo e sotto no, noi mamme siamo le regine del mix match patch. Patch nel senso che ci metti una pezza. Pigiama sotto e blazer sopra, jeans sotto e grembiule dell’asilo di tuo figlio sopra, boxer del marito sotto e body in acetato anni 80 (quello di quando ti ostinavi a fare ginnastica ritmica) sopra.

Mamme, abbiamo le tendenze autunnali in pugno, donne child free fatevene una ragione.

ME
OLGA ZAPPALA'

 

TUTTI I MIEI ARTICOLI
ISCRIZIONE NEWSLETTER

I miei Tweets
I MIEI PINS

THE LITTLE EMPORIUM