Tag: post sponsorizzato

Un’estate semplice

lifestyle

Un’estate semplice

Giocare in cortile sotto il sole d’agosto e imparare ad andare in bicicletta senza rotelle.

Aspettare la barca dei pescatori e prendere in mano un pesciolino appena pescato.

Sedersi in riva al mare, chiudere gli occhi e guardare in alto con lo sguardo della fantasia. Cercare tutti i sassi verdi e blu da collezionare.

Capovolgere le regole di casa e della stagione invernale: mangiare il secondo prima del primo, in piedi, davanti alla brace, mentre ci si cuoce un po’ al sole.

Continua la lettura

Toucan Box: come trascorrere un pomeriggio creativo in vacanza

Family life

Toucan Box: come trascorrere un pomeriggio creativo in vacanza

Siamo in vacanza in Sicilia già da due settimane e abbiamo ormai stabilito una perfetta routine. Al mattino andiamo in spiaggia molto presto, verso le 8:30 cosa che non ci pesa affatto dal momento che i bambini si svegliano ogni giorno tra le 7 e le 7:30. Si, avete capito bene, non esistono ferie, sabati, domeniche, festività, la sveglia suona come se non ci fosse un domani e invece un domani c’è e lo si affronta all’alba!

Dopo la colazione a base di granita per me (ogni mattina mio papà va al bar e mi prende una granita o cioccolato e panna o pistacchio e panna – “privilegi” da figlie emigrate al nord) e di latte per loro si va in spiaggia fino alle 12 circa. Mare anche al pomeriggio dalle 17 alle 19.

Continua la lettura

Braccialetti Identificativi Stikets: come non mi perdo il bambino!

Family life

Braccialetti Identificativi Stikets: come non mi perdo il bambino!

Non mi è mai (o forse dovrei dire ancora) successo di perdere di vista i bambini.

E dire che da piccola sognavo di essere io, almeno per una volta, la piccola Olga che aspetta i suoi genitori presso il banco informazioni. Immaginavo attese a base di gelato e caramelle per tranquillizare il piccolo di turno e, all’arrivo di mamma e papà un abbraccione da film seguito da un bel “compra tutto quello che vuoi” per festeggiare il ritrovamento.  Ma figuriamoci, io al supermercato non mi sono mai smarrita, mia madre era una sorta di cane da caccia, non mi teneva per mano, mi stritolava il polso guardandomi tra i fulmini e le saette del rimprovero muto, arte nella quale era una campionessa indiscussa (altro che Kate Middleton in visita ufficiale).

Continua la lettura