Skip to content

Bimbi sugli sci: come sciare in tranquillità con l’assicurazione sci Helvetia

Bambini sugli sci: qual è l’età giusta per iniziare? Come sciare in tutta tranquillità con la polizza infortuni Helvetia?

Mio marito è, da sempre, un appassionato sciatore; quando mi racconta le vacanze sulla neve della sua infanzia mi sembra di essere catapultata nel primissimo Vacanze di Natale: padre pubblicitario, vacanze a Cortina, mamma con pelliccia e figli future promesse della nazionale italiana di sci (mi trovo costretta a smentire quest’ultimo punto). Le mie avventure in montagna, invece, assomigliano più alla fantozziana gita aziendale: unico mio desiderio quello di immergermi dentro una pentola piena di fumante polenta. Ho preso lezioni di sci alla tenera età di 23 anni (ero single e speravo nel cliché del maestro di sci carino ma ho trovato l’unico maestro serio e professionale del comprensorio – mai mischiare lavoro e vita privata), poi – fidanzata con Simone – sono passata ad un anziano maestro bergamasco di grande esperienza (scelto personalmente dal mio lui). Con la scusa delle 3 gravidanze (e di un pianto con tanto di lancio dei bastoncini al fidanzato) si è conclusa la mia luminosa carriera da sciatrice. Ma ora ci sono loro, i miei bambini, a loro agio sugli sci come se li avessero indossati da sempre (a proposito si dice indossati?). Niccolò ha iniziato a prendere lezioni durante l’ultimo anno di scuola materna (5 anni compiuti), Edoardo l’anno scorso a quasi 5 anni.

Prima di prenotare l’ultima vacanza sulla neve e il pacchetto di lezioni con la maestra di sci ho fatto una ricerca sulle assicurazioni infortuni per lo sci e mi sono consultata con il nostro pediatra di fiducia presentandogli un lunghissimo elenco di domande. Ecco i consigli che posso darvi sull’uno e l’altro punto.

Bimbi sugli sci con l'assicurazione Helvetia

Quando iniziare lo sci in età pediatrica?
Esistono attrezzature specifiche per i bambini? Ci controindicazioni a carico dell’apparato scheletrico che limitano questo sport? Quali cibi scegliere prima e dopo lo sci? 

I bambini e lo sci: come e quando iniziare, i consigli dei pediatri e dei maestri di sci

Un corso di sci vero e proprio viene consigliato a partire dai 4 anni, non prima (anche se sento spesso di bimbi messi sugli sci a 3 anni), meglio 5, perchè i bambini hanno già una struttura ossea e muscolare più solida e soprattutto hanno maggiore consapevolezza del proprio corpo e dei movimenti da fare (oltre che una diversa resistenza a freddo e fatica, un bimbo di 4/5 anni non dovrebbe sciare per più di due ore consecutive!); non ci sono comunque controindicazioni a carico dell’apparato scheletrico e muscolare, anzi, quello dei bambini è decisamente più elastico e tollera meglio eventuali traumi e cadute; è preferibile far avvicinare un bimbo allo sci con l’aiuto di un maestro e con l’iscrizione ad una scuola sci. Solo un professionista sarà infatti in grado di impedire che il piccolo prenda troppo freddo, si stanchi troppo e quali movimenti o piste sia in grado di fare. La scuola sci è inoltre una stupenda occasione per socializzare e divertirsi con i propri coetanei.

Bimbi sugli sci con l'assicurazione Helvetia

Io ho scelto una soluzione intermedia: l’anno scorso ho acquistato un pacchetto di lezioni individuali (nel nostro caso una maestra per i due fratelli), dopo la prima giornata Nic e Edo erano già in grado di fare le prime discese senza alcuna difficoltà. Quest’anno li iscriverò invece ad una scuola sci. Una o due lezioni singole sono in genere sufficienti per insegnare ai bambini i fondamentali prima di inserirli in un gruppetto omogeneo come livello e età.

Come capire se un bambino è pronto ad iniziare a sciare? L’approccio alle piste deve avvenire con estrema naturalezza, i bimbi che hanno giocato con la neve e trascorso giorni di vacanza in montagna in genere chiedono poi spontaneamente di provare a sciare.

Bimbi sugli sci con l'assicurazione Helvetia

I bambini che sciano hanno bisogno di alimentarsi correttamente per affrontare lo sforzo fisico e le temperature rigide: via libera quindi ad una colazione abbondante a base di pane, fette biscottate e marmellata, a piccoli spuntini durante la giornata come una barretta di cioccolato, frutta secca e bevande calde, a una super merenda alla fine del pomeriggio e a un pranzo leggero ma energetico (un classico piatto di pasta al pomodoro sempre apprezzato dai nostri figli!).

Assicurazioni sci: un tema da non sottovalutare

Bimbi sugli sci con l'assicurazione Helvetia

Insieme alle rassicurazioni del pediatra trovo sia fondamentale per noi genitori valutare l’aspetto sicurezza e scegliere una adeguata copertura assicurativa per tutta la famiglia durante lo sci. Per la stagione sciistica io mi affido e mi affiderò ad Helvetia, la grande compagnia assicurativa svizzera operante, in Italia, da oltre 60 anni.

Helvetia ha appena lanciato sul mercato l’innovativo prodotto assicurativo EasySki, una polizza dedicata agli sciatori che pratichino discesa, snowboard e sci di fondo all’interno dell’area sciabile.

L’assicurazione sci vale in tutte le località montane dei Paesi dell’Unione Europea, in Norvegia, in Svizzera e nel Liechtenstein.

La polizza sci Helvetia è disponibile in forma individuale o cumulativa per il nucleo familiare e comprende le seguenti garanzie: assistenza (non solo spese di soccorso e rientro assicurato al proprio domicilio ma anche – molto comodo per una mamma e un papà – la consultazione telefonica di un medico), spesa di cura da infortunio e responsabilità civile (fondamentale quando a sciare sono figli adolescenti…).

Il plus per famiglie (ma non solo)? EasySki di Helvetia è venduta comodamente online e Helvetia ha inoltre definito un accordo con MyPass offrendo la possibilità agli sciatori di acquistare ed attivare la polizza EasySki con la modalità pay per use (la tecnologia MYPASS Sci valuta la tariffa più conveniente in base al tempo effettivamente trascorso sulle piste e addebita sulla carta di credito l’importo corrispondente).

In più, MYPASS Sci permette di accedere agli impianti dei comprensori convenzionati senza bisogno di passare dalla biglietteria evitando lunghe code che, con i bambini, non sono certo l’ideale!

Sicurezza, velocità, risparmio e comodità, tutto con un’unica polizza sci per l’intero gruppo di sportivoni, papà e i due fratelli ai quali, ben presto, si aggiungerà Bianca Zoe!

Ma veniamo alla parte che preferisco: quali vestiti scegliere e indossare per sciare?

Come vestire i bambini sulla neve? Come far fronte alle temperature rigide?

Bimbi sugli sci con l'assicurazione Helvetia

L’anno scorso la maestra di Nic e Edo li ha letteralmente spogliati in pista dai mille capi che io avevo fatto loro indossare (da brava mamma del sud!). Il vestiario sulla neve non deve essere eccessivamente pesante ma fresco e traspirante altrimenti i movimenti saranno difficoltosi e i bambini suderanno molto (soprattutto nel caso di giornate molto soleggiate): calzamaglia e maglia tecnica, cappello, scaldacollo, maglione di lana o felpa in pile e giaccone imbottito e impermeabile con pantalone oppure una tuta intera (preferibile perché impedisce il passaggio di neve e freddo ma complicata per le soste bagno!). Vi consiglio di acquistare guanti di qualità imbottiti e impermeabili, comodi e resistenti doposci e occhiali da sole o mascherina protettiva per gli occhi.

Infine, due regole da non dimenticare mai:

  • Proteggere la pelle di grandi e piccini con una crema solare ad alto fattore protettivo, ricordando di rinnovare l’applicazione ogni 2 ore (sapete quanto per me, recentemente operata di melanoma, sia fondamentale questo aspetto)
  • Tutti i bambini con meno di 14 anni devono, per legge, indossare il casco: sarebbe auspicabile lo facessero anche gli adulti, non credete?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.