Skip to content

Come mi abbracci tu

Se c’è una cosa che Bianca Zoe ama fare è regalare abbracci. Non si lascia abbracciare, è proprio lei a farlo, a spalancare le sue braccia e a buttarsi su di me, lei così piccola a sovrastarmi, lei mai troppo piccola per non contenermi tutta.

Non ha bisogno di una ragione per farlo, ogni momento è quello perfetto. Un abbraccio arriva solo se lo sai aspettare. Un abbraccio è facile, naturale, istintivo.

É lei a stringermi fortissimo, lei ad accogliermi, lei a staccarsi per un attimo dal nostro abbraccio per guardarmi negli occhi e accarezzarmi il viso; è lei la persona più sicura delle due, lei l’adulta nei sentimenti tra noi.

Non c’è fretta nel suo gesto, lei sa prendersi tutto il tempo necessario ad un abbraccio. Non c’è automatismo o meccanicità, non c’è l’attesa di essere ricambiata. Regala i suoi abbracci per il piacere di farlo, senza egoismo, senza richieste.

Come mi abbraccia Bianca Zoe nessuno mai. Non i suoi fratelli che cercavano il mio riparo e la mia consolazione, non il suo papà preso da fretta e incombenze di ogni giorno.

Il nostro amore si nutre ogni giorno di abbracci ed è lei a dare il contributo maggiore. Il suo voler bene è assoluto, non ha bisogno di misura, è pura sostanza. Io le chiedo: “quanto mi vuoi bene?” e lei mi risponde “bene”. Che bisogno c’è mamma di quantificare? L’unica cosa necessaria è dimostrarlo.

E mi perdo nei suoi abbracci e mi vergogno un po’ perchè dovrei essere io ad abbracciarla per darle sicurezza e invece spesso trovo consolazione e coraggio nei suoi abbracci; é talmente profondo il suo abbraccio che a volte mi fa paura. Lei così ferma e dritta e sicura, io con le ginocchia che tremano un po’. Una mamma che trova certezze e casa tra le braccia di una bambina di nemmeno due anni; è lei a darmi molto più di quanto non sia in grado di fare io. E vorrei proteggerla dalla sua generosità di sentimenti, vorrei renderla più attenta ai suoi bisogni che a quelli degli altri. Non sono mai stata capace di abbracciare come lei, i miei sentimenti non sono mai stati così puri, ho ricambiato certo, ma anche preteso, mi sono in qualche modo tutelata.

I suoi abbracci sono la cura e non c’è al mondo un posto diverso nel quale vorrei stare.

Ph. Credits Silvia Martino Photography

Categorized: Family life
Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.