Skip to content

Come si chiamava la mamma di Attila

Ve lo dico, la festa della mamma si avvicina.

Lo dico anche a voi, care mamme, che arrivate al mio blog cercando su Google “Come si chiamava la mamma di Attila” e “Spolverare che senso ha”.

Le risposte ve le fornisco io: la mamma di Attila si chiamava Olga, mamma di Attila 1 e Attila 2. E spolverare no non ha senso. Voglio trovare un senso a questa spolverata anche se questa spolverata un senso non ce l’haaaa. Fatevi forza, io vi sono vicina. O ancora “bimbi piccoli pipì in treno”. Io mi sento di consigliarvi un bel pannolino e passa la paura.

Carissime mamme, noi ci meritiamo un bel regalo santocielo. E va benissimo il disegno-lavoretto dei bambini, ma anche in fatto di lavoretti ho trovato disparità di genere. Per la festa del papà un bel Vodka Martini con tanto di cannuccia e oliva in cartoncino perché il papà ha diritto ad un drink. Per la festa della mamma una poesia “il tuo cuore è come un fiore che mai appassirà” con annesso disegno di me bionda, con intestino crasso, tenue e duodeno e quant’altro ben in vista, pantaloni blu, guanti e scarpe rosse. Amore di mamma, vada per le scarpe rosse che potrebbero essere delle Louboutin (ma sospetto siano le Crocs che tengo in casa come ciabatte) ma i guanti la tua mamma non li porterebbe mai in pendant con le scarpe!La parola d’ordine è spezzare.

Comunque io resto in attesa del drink, che ci provino le maestre a costruire fiori di stoffa o carta. Nossignore io voglio il mio drink.

E in aggiunta ho fatto a Marito una mini lista di regali (in via di aggiustamenti e definizione…)

– borsa a righe Bill Brown Bags in vendita su BabyBuh. In cotone, enorme, da piegare e mettere in valigia all’occorrenza. Io amo le borse-bagaglio, sarebbe perfetta per me (occhi a cuoricino). Ho appena comprato queste Vans a righe, manca fortissimamente manca la borsa.

Borsa a righe

vans

– due libri “My fashion colouring Book”, un volume tutto da colorare e “Quando siete felici, fateci caso” di Kurt Vonnegut.

LibroLibro

Per mamme con figlia femmina (ma in effetti potrei proporre l’abbinamento alla mia di mamma) ecco la gonna Hanapima in cotone e tulle ricamato da indossare in coordinato con la mamma. Ve ne avevo già parlato, ricordate?

Hanapima_gonna-mamma (1) Hanapima_gonna-baby (1)

E adesso aspetto a) risposta al sondaggio “come si chiama la mamma di Attila”, b) senso che riuscite ad attribuire alle operazioni pulizia e c) la vostra lista-regali per la festa della mamma!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.