Skip to content

Il Bombetti Galateo con Sarabanda: Capodanno!

Il Capodanno secondo Mamma: 

Non vorrei essere ripetitiva ma noi in famiglia abbiamo due miti: tata Lucia e i film di Fantozzi.
Dici Fantozzi e dici Capodanno, per due ragioni: la prima perché ogni notte di San Silvestro che si rispetti c’è la maratona dell’intera saga (aperitivo con Fantozzi del 1975 e colazione del primo gennaio con Fantozzi 2000). La seconda per la scena del tragico veglione organizzato da Filini con festeggiamenti e conto alla rovescia alle 22:30.
Il Capodanno noi lo facciamo anticipato da tradizione ormai, alle 18:30 tutti a tavola, alle 22 brindisi veloce e tutti in branda.
Questo é il quarto Capodanno che festeggeremo bambino- muniti. O meglio il quinto, nel 2010 ero incinta di tre mesi di Bombetti e mi sono addormentata alle 21. 
L’anno scorso Marito ha preparato una fantastica cenetta a base di pesce, sognavamo una seratina romantica con bimbi a letto presto.
E no. Edo ha pianto in preda ad un (probabile) mal di pancia fin dopo mezzanotte. Al conto alla rovescia di Carlo Conti a Courmayeur io stavo dondolando sulle note di “fischia il treno, il treno fischia ecco Edo macchinista” che era la hit dei suoi 8 mesi.

Quest’anno?Io speriamo che me la cavo!Sogno due ometti molto eleganti e tanti abiti da bimba particolari e chic, total look firmati Sarabanda.

Per Edo camicia in cotone a righe, jeans caldi e morbidissimi con coulisse e maxi pull con cappuccio, toppe ed alamari; per Nic polo bianca con applicazioni, jeans skinny blu scuro e giacca grigia con elegante pochette bordeaux.

Per l’ultima notte dell’anno sono perfetti capi più eleganti, della Collezione A/I 2014-15 Sarabanda; per le bimbe, in particolare, il mix di materiali gioca un ruolo fondamentale: il jersey è impreziosito dallo chiffon e il tricot è illuminato dal lurex:


Il Capodanno secondo Bombetti:
NO AI botti, sono pericolosi e svegliano tutti i bimbi.
Si alle lenticchie ed alla crema di mascarpone. No, lo zucchero sul pandoro non si lecca per poi rimettere la fetta al proprio posto.

La mamma suggerisce l’organizzazione di un pigiama party (dice per appropinquarsi il più velocemente possibile al riposo notturno…) ma io no non sono d’accordo. Ho deciso di vestirmi come papà quando va in ufficio, con una giacca Sarabanda della Collezione A/I 2014-15.

Il conto alla rovescia ed il trenino del mio amico Charlie Brown fanno troppo anni 80′ e Milano da Bere. E io so contare solo “al dritto” e fino a 8/9 se non mi distraggo.
Mia nonna  dice sempre che “chi fa una cosa a Capodanno la fa tutto l’anno”. Ho chiesto un po’ in giro: la mamma ha detto che lei vorrebbe dormire, papa’ ha detto “te lo spiego tra qualche anno”, Edino ha detto “tagliaebba” e io…beh io…vorrei giocare. 
Vorrei giocare a Capodanno e giocare tutto l’anno. Vorrei stare sempre insieme noi 4 che in questi giorni il mio fratellino Edino è stato in ospedale e mi è mancato tanto. 
Vorrei costruire castelli e fattorie nella mia cameretta con i Lego, per sempre. Vorrei poter andare al parco anche quando fuori piove. Vorrei una festa con tutti i miei amici per il mio compleanno ma so già che saranno tutti in vacanza al mare perché io sono nato a luglio, uffa; vorrei conoscere Spider Man quello vero.
Vorrei compiere presto 5 anni e diventare un grande, un tutor dei bimbi più piccoli. Vorrei ancora più bacini sulla pancia da parte di mamma di quelli che mi fanno tanto ridere e vorrei che il mio papà imparasse a fare le sculture di palloncini che adesso é capace di fare solo la bacchetta magica.
A me dispiace un pochino che questo anno sia finito perché sono successe delle cose importanti: ho iniziato la scuola materna e il mio fratellino ha iniziato a gattonare ed a camminare. Ho nuotato da solo in piscina. Ho avuto spesso paura ma tutte le volte che ho pianto qualcuno mi ha stretto forte a sè. Ho lasciato Nina e trovato una nuova fidanzata. 

Sono stato felice. Mi sono diplomato al nido. Sono andato in bicicletta. Ho corso. Edo ha imparato a dire “CColò” e la mamma ed il papà hanno sorriso di più. Noi tutti abbiamo sorriso di più. La mamma ha detto che “inizio ad avere carattere” e che sono “testardo”. Non so ancora bene cosa significhi avere un sogno, io sono felice così, ma mi piacciono le stelline che il mio papà accende a Capodanno e ho come l’impressione che avere un sogno assomigli un pochino a quello scintillio.


Siamo ormai arrivati al terzo appuntamento con Sarabanda che ci ha accompagnati con eleganza, comodità e allegria per tutto il periodo natalizio. 
Oggi ho scelto di parlare della social responsibility (a questo link trovate la brochure sulla “sostenibilità”) di Miniconf SpA (l’azienda proprietaria dei marchi Sarabanda e iDO). 
Miniconf rifiuta ogni forma di discriminazione e di sfruttamento nonché il lavoro minorile e chiede, da parte dei fornitori, l’adozione del proprio Codice di Condotta, che definisce le linee guida in termini di sicurezza nei luoghi di lavoro e di tutela ambientale. 
Miniconf dice di no alle pelliccie di origine animale e ha aderito allo Standard Internazionale “Fur Free”, coordinato in Italia dalla LAV (Lega Anti Vivisezione).
Tre sono le parole chiave dei capi Miniconf: sicurezza, qualità e durata. Mamme, sapete ad esempio che le paillettes non possono essere applicate su capi per bambini al di sotto dei 6 mesi e devono essere cucite e non semplicemente incollate? O ancora che i cordoncini non vanno applicati in zona testa o collo fino ai 7 anni di età? E che in tutte le stampe non devono essere presenti residui di sostanze chimiche?
Ed è proprio il nostro amico faggio Mr. Fagus ad essere testimone dell’impegno di Miniconf mediante il suo bollino “Approved by Mr. Fagus”, (mi piace ricordare che si tratta di un faggio che vive nel bosco di Mini Wood, l’ideale città collocata nei monti del Casentino, in provincia di Arezzo, dove ha sede Miniconf, a voler sottolineare la vicinanza dell’azienda al luogo in cui vive ed opera).

Sarabanda vi aspetta nei suoi numerosi punti vendita, su Facebook, Instagram e Youtube. E voi bimbi, avete già scaricato da http://gioca.mrfagus.it/download i bellissimi disegni a tema natalizio da coloraree condividere sui social? Ricordate di utilizzare l’hashtag #giocaconmrfagus e taggare @sarabandaofficial su Instagram oppure di inviare le vostre creazioni alla Pagina Facebook Sarabanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.