Skip to content

Il Mondo secondo Bombetti: un tamarro

Al mare, ogni giorno, arriva un venditore di cocco, che canta una canzone con evidente accento napoletano con cassa e microfono stile Ambra in Non è la Rai. Una canzone bella lunga, articolata, in soldoni parla di una ragazzina in litigio con il padre geloso, che nonostante gli screzi, riesce ad ottenere dal genitore un pezzo di cocco.

Bombetti e Trombetti l’hanno subito imparata, si svegliano al mattino ed iniziano a cantarla, mimando pure i gesti e l’andatura del suddetto venditore.

Il tutto è condito da continue richieste di Niccolò di indossare solo canottiere, di fare tatuaggi stile bracciale tribale sul braccio, da espressioni come “Mamma, sei una scassa palle!” e da continui riferimenti a tette e culi. Chiamati proprio così, senza filtri.

Aspetto che mi chieda di mettere il gel sui capelli.

Mi consolo con una selezione di canottiere che potrei pure accettare. Sgranocchiando una fetta di cocco. Quanto alle regole per un’educazione perfetta ci penserò al prossimo figlio.

Non abbiamo bisogno di Tata Lucia, no. Abbiamo bisogno, come minimo, dell’istitutrice del collegio di Lovely Sara.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.