Skip to content

La nascita di Bianca Zoe

E così Fratella è arrivata, a 40+4 dopo ben due scollamenti manuali per “sollecitarla”.

Giovedì mattina, 10 marzo, alle 7 ho iniziato ad avere delle contrazioni leggermente più fastidiose di quelle avute nei giorni precedenti. Dopo la colazione mia e dei bambini ho fatto la prima doccia calda pensando che si trattasse ancora di una falsa partenza. Il calore, invece, non le ha bloccate. Mi sono vestita, truccata, lavata i capelli con piega perfetta: no, non sono pazza, ma avendo già due bambini, so che dopo il parto, il restauro beauty diventa un vero e proprio miraggio!

Marito l’ho spedito un ufficio: meglio non avere in giro per casa uomini che blaterano sul fatto che “rompersi un ginocchio è molto più doloroso del parto” (cit. testualmente). Bombetti è andato a scuola, Trombetti ancora varicelloso è rimasto a casa con la gravida.

Le prime fasi del travaglio sono quindi andate avanti così, tra una puntata di Una mamma per amica (fortunatamente in replica su Italia 1), chat con amiche e compagne del corso preparto, aggiornamento costante con la mia amica ostetrica, spuntini a base di cioccolato fondente, termoforo applicato su pancia e schiena e dondolamenti sulla fitball. A “condire” il tutto, Edoardo in stile cozza che avendo subodorato il lieto evento imminente non mi ha mollata un attimo, anzi, ha dato il meglio di sé ad ogni contrazione, saltandomi sulla schiena e spingendo sulla pancia. La manovra di Kristeller in versione treenne.

Ho tentato, invano, di utilizzare iContrazioni, l’app per monitorare l’andamento del travaglio. Parte la contrazione, prendi il telefono, sbloccalo, apri l’app, la contrazione è bella che andata!

Alle 11:30 ho chiesto a Marito di tornare con calma a casa (lui: “cosa mangiamo per pranzo?” – della serie “Ho sposato un deficiente”) e ho optato per una nuova doccia calda rubando il piccolo sgabello Ikea di Edo per mettermi comoda. Lui non l’ha presa benissimo “Mammaaaa adesso il mio GAbello è tutto bagnatoooo!”

Alle 12:15 sono iniziate delle contrazioni più dolorose lunghe circa 50 secondi ogni 4 minuti (più o meno), la mia amica ostetrica mi aveva consigliato di andare in ospedale dopo un’ora di questo tipo di contrazioni regolari. In quest’ora: mi sono fatta dei selfie sulla palla (così, per ricordare il momento), ho mangiato una mela, Marito, tornato intanto a casa si è fatto un panino, Edoardo ha pranzato ed è stato spedito dai nonni, ho guardato Grey’s Anatomy per entrare in clima ospedaliero.

13:15“Beh dai, Simo, l’ora è passata, andiamo in ospedale?”, “Si, aspetta, devo mettermi la tuta!”. Certo. Per non smentirsi.

In macchina contrazioni ogni 3 minuti, dolorose. Nel piccolissimo tragitto dal parcheggio al pronto soccorso mi sono fermata almeno 3 volte…Ore 13:40 Driiiin pronto soccorso? “Qui fuori c’è mia moglie che deve partorire” (Marito con estrema calma), “Al primo figlio?” “Noooo al teeeeeEEErzo!” (io), “VENGA SUBIIIIITOOOO”.

Visita al volo: “Signora 7/8 cm sta per nascere!”

COOOOOOSAAAAA?

SUBITO IN SALA PARTO LA SIGNORA STA PER PARTORIRE!!!

(questa scena immaginatela come un film americano di basso livello, quelli dei pomeriggi estivi per intenderci)

Mah. Stupore. Sorpresa.

“Dici che è troppo tardi per l’epidurale?”

Non sto ad entrare nei dettagli di ciò che è successo nei minuti seguenti, stessa sala parto della nascita di Edo, la sala Margherita, Marito ha subito notato che il vecchio orologio a muro era stato sostituito con uno più moderno (!!!), ho avuto l’ostetrica migliore del mondo e…Bianca Zoe è nata alle 14:35.

Bianca Zoe
Fiocco fatto a mano Baby B World
Bianca Zoe
A sinistra Niccolò, a destra Bianca Zoe

Giuro che la prima cosa che ho fatto è un controllino alle sue parti intime, il fatto che io stessi partorendo finalmente una femmina era davvero surreale.

Marito, invece, ha dato una controllatina a piedi ed orecchie. No piede romano né orecchie a sventola.

Dopo 5 minuti mi ha detto: “Bene, adesso parliamo di contraccezione!”

Fratella è la sosia di Bombetti. E ha un nuovissimo soprannome: Gianni (non chiedetemi il perché, è stato Marito a chiamarla così).

Mamma e Gianni tornano a casa
Mamma e Gianni tornano a casa

 

 

7 comments on “La nascita di Bianca Zoe”

  1. YEAAAHHHHH !!!!!
    finalmente siete in due contro tre !!!

    Bianca Zoe è stupenda, tu sei uno spettacolo – Simo non si smentisce mai!

    In bocca al lupo per la nuova vita in cinque, sono così FELICE per voi !!!

  2. Auguri ancora! Bianca Zoe si sarà fatta attendere ma, visto che è femmina, quando c’è da agire va dritta dritta alla metà e non perde tempo! La Cloe è nata a 40+6 ma in tre ore ha liquidato la pratica : primi dolori alle tre di notte e prima delle sei di mattina faceva cu-cuu!!!
    Mitiche donnine!
    Un abbraccio grande a tutti voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.