Skip to content

Mamme di corsa con Yakult

Come promesso eccomi qui a raccontarvi del nostro sabato mattina all’insegna dello sport con Mamme di corsa e Yakult.
Dal 13 settembre 2014 il corso di corsa Run&Health Yakult si è infatti arricchito di una classe di fitness con il passeggino dedicata alle neo mamme: ginnastica, stretching e corsa al Parco Sempione di Milano per noi mamme con piccoli (fino ai 3 anni) piazzati su passeggini e carrozzine.
 
Io e Edo abbiamo iniziato la mattinata con una sana e ricca colazione al bar (tanto poi avremmo smaltito tutto…). Io sono una aspirante sportiva, sono atletica dentro, nell’anima, molto con il pensiero e poco con i fatti. Ho corso, ho fatto esercizi di tonificazione, oggi ho qualche doloretto ma sono molto soddisfatta della nostra mattinata all’aria aperta. Trombetti si è divertito parecchio, la corsa con il passeggino lo ha esaltato, poi ha rifornito tutte le partecipanti di bottigliette d’acqua e per finire mi ha supportata nell’esecuzione di addominali. Il vantaggio (non da poco) è la possibilità per noi mamme  di prenderci cura di noi stesse senza lasciare il bebè a casa con papà/nonni/baby sitter.
 
(brioche in mano, ma integrale eh?)
(serve acVA?)
 
L’Osservatorio Yakult ha commissionato a GfK Eurisko una ricerca che, su un campione di circa 1.000 italiane, ha messo a confronto le donne con figli tra 0 e 5 anni con quelle senza figli della stessa fascia d’età, per evidenziare l’evoluzione avvenuta negli ultimi 10 anni. L’obiettivo dello studio era quello di comprendere quanto l’esperienza della maternità cambi la percezione di sé, la qualità di vita, le abitudini, il tempo libero e le aspirazioni delle donne.
Il quadro emerso è piuttosto interessante: in Italia le neo-mamme sono 1.600.000: donne felici, sicure e soddisfatte di sé (il 67% dichiara un’alta qualità di vita, rispetto al 49% delle coetanee senza figli), contente sia della propria relazione di coppia (91%) che del proprio lavoro (83%), che per molte rappresenta uno spazio importante di realizzazione personale, ma con meno tempo libero per sé, gli amici, lo sport e la cura del proprio benessere.
Meno giovani rispetto a 10 anni fa (cresce in modo significativo la fascia 35-42 anni: da 38% a 56%), le neo mamme di oggi sono più istruite (istruzione superiore dal 46 al 64%), scelgono più spesso di non sposarsi (le conviventi crescono dal 4 al 15%, mentre le donne sposate calano dal 92 al 79%) e sono più attive nel mercato del lavoro (il 52% lavora nonostante la difficoltà di gestire i figli piccoli, con un incremento dell’11% rispetto a dieci anni fa).
Isabella Cecchini, Direttrice del Dipartimento di ricerche sulla salute di GfK Eurisko commenta:“Quando arriva un bebè, le donne italiane sono costrette a rinunciare un po’ alla cura di sé e del proprio benessere, per colpa del minor tempo disponibile. La valutazione complessiva dello stato di salute, per quanto notevolmente migliorata negli ultimi 10 anni, resta infatti meno ottimistica nelle neo mamme rispetto alle coetanee senza figli: solo il 23% delle italiane con bambini piccoli definisce “ottimo” il proprio stato di salute, contro il 30% delle coetanee”.
 
Le neomamme hanno infatti uno stile di vita più sedentario (solo il 24% fa movimento e attività fisica, contro il 46% delle donne senza figli) e un’alimentazione meno curata, anche se, rispetto al decennio passato, è cresciuta significativamente l’attenzione a una dieta senza sgarri (26% vs 15%) e la predilezione per cibi più leggeri (44% vs 33%). Frequentare i parchi cittadini è uno dei passatempi più amati dalle neo mamme (74%) e la corsa leggera e la ginnastica fatta in casa (entrambe al 10%) sono le attività più facili da praticare per le giovani donne con figli piccoli.
 
Personalmente confermo: da quando sono diventata mamma ho abbandonato l’attività fisica e ho optato per un’alimentazione a caso (in genere mangio qua e là i resti delle pappe dei bimbi).
Il corso è stato arricchito anche da incontri con esperti per approfondire tematiche di interesse sulla maternità (alimentazione, cura di sé e del bambino).
Durante la sessione alla quale ho partecipato abbiamo avuto modo di ascoltare e condividere le nostre esperienze con l’ostetrica d.ssa Sara Notarantonio che ci ha parlato del pavimento pelvico e degli esercizi per tonificarlo. Un consiglio importante è quello di praticare gli esercizi di Kegel (il più facile e immediato dei quali è quello di stingere e rilasciare il perineo, diverse volte, fino a 50 volte consecutive) con costanza a prescindere dalla gravidanza e dal parto (ma fin da giovani). E’ infatti sbagliato che si parli del pavimento pelvico solo durante il corso pre-parto poichè un perineo tonico riduce si un’eventuale episiotomia  o lacerazioni durante il parto ma aiuta anche a sostenere gli organi, permette una vita sessuale più soddisfacente e riduce parecchi fastidi legati alla menopausa.
 
Riconoscendo, inoltre, una disfunzione del pavimento pelvico si può portare la donna a cambiare il proprio stile di vita e ad insegnarle gli esercizi in modo da aiutarla. Se volete saperne di più contattate Sara alla mail ostetrica.sara@corsipreparto.com.
Vi ricordo che il corso #Mammedicorsa con Yakult proseguirà fino al 25 ottobre, dalle 9.30 alle 11.30 al Parco Sempione di Milano – ingresso Arena Civica (a disposizione delle partecipanti gli spogliatoi con docce dell’Arena Civica). L’iscrizione di può fare direttamente in loco.
 
(eccoci qui insieme – Edo è l’unico assente, impegnato a mangiare tutti i sassolini dell’Arena Civica…)
 
I corsi Run&Health Yakult fanno parte del progetto CorriMI del Comune di Milano.
Per ulteriori informazioni:
http://yakult.it/run-health  –  www.corrimi.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.