Skip to content

Mi piace(rebbe) perche’

Mi piacerebbe essere un uomo perche’

Potrei usare il bagno alla turca senza lavorare di quadricipiti
Vorrei avere la barba e pure i baffi, andare dal barbiere e provare a sentire se, per caso, la schiuma da barba e’ un po’ dolce come la panna montata
Potrei tacchinare le tipe
Mi piacerebbe indossare un frac ed il papillon
Vorrei saper riempire la lavastoviglie come solo gli uomini sanno fare
Sarebbe bello, ogni tanto, provare l’ebrezza di stravaccarmi sul divano a guardare la partita
Eviterei di incelofanarmi due-volte-a-settimana con i fanghid’algaGUAM
Capirei finalmente cosa significa “nel profondo” l’espressione “come un calcio nei maroni”
Riuscirei a non andare in sbattimento facendomi plurime seghe mentali
Tendezialmente potrei essere piu’ alta (anche 1,70 sarebbe carino)
Potrei portare con disinvoltura i capelli grigi e anche la pancetta
Mi piacerebbe sentirmi chiamare papa’
Vorrei essere il papa’ che adesso “arriva e porta le caramelline…”
Vorrei essere un marito, vorrei essere come mio marito, un uomo intelligente e concreto, razionale e sognatore, un papa’ un po’ bambino e un po’ grande che ogni giorno regala ai nostri figli lo splendido dono dell’ironia;

Mi piace essere una donna perche’

Posso esagerare con tulle, chiffon e macrame’
Multitasking e’ la mia filosofia di vita
Sono cresciuta domandandomi se fosse piu’ fico Brandon o Dylan
Il correttore e’ il mio migliore amico e mi salva tutti-i-santi-giorni
Posso cantare e ballare guidando e cantando “living in a material world and I am a material girl”
Ho sempre avuto la certezza, nella mia vita, di poter realizzare ogni sogno (meglio o peggio di un uomo non importa)
Una mia amica un giorno ha scritto che lei ha sempre desiderato essere un ingegnere e adesso lo e’ (grazie Mary per il tuo post 🙂
Posso indossare smoking femminile, panama e scarpe stringate
Da piccola sognavo di sposare il mio papa’
E’ stato bello, e lo e’ ancora, essere la sorellina minore
La complicità’ mamma-figlia e’ irripetibile
Barbie California e’ il gioco piu’ fico che esista
Ogni tanto mi piace essere corteggiata e coccolata; Simo prendi nota: un mazzo di fiori (girasoli), una scatola di cioccolatini (lindor extra fondente), un regalo inaspettato (Le Pliage Longchamp in pelle gialla)
Allattare e’ stra-comodo e la tetta ti salva in ogni situazione d’emergenza (pianto inconsolabile del nano non ti temo!)
Essere una mamma e’ il privilegio piu’ prezioso del mondo e il pancione lo porto (l’ho portato) con eleganza e disinvoltura (o almeno spero)

In fondo, pero’, che tu sia uomo o donna, prendendo in braccio per la prima volta i tuoi figli, proverai lo STESSO – IDENTICO – STUPORE

PS. Se siete a Milano vi segnalo questa bellissima iniziativa per superare gli stereotipi di genere con l’arte e l’ironia:

http://www.spaziobk.com/work/et-pourquoi-pas-toi-e-perche-tu-no/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.