Skip to content

Come si cambia (e si, adesso amo la montagna)

Cambia il corpo ed il metabolismo, cambiano le parole e gli sguardi, cambiano le giornate ed i momenti. Il tempo, i gesti, il modo di vestire e di agire, la pelle, i capelli, i gusti. Cambia l’olfatto e cambiano (alcune) idee.

Con la maternità cambia molto ma si riscopre ciò che stava in fondo e che era ben nascosto; l’istinto ed il cuore non cambiano ma vengono fuori con prepotenza. Non sono gli ormoni a scombussolarci, sono quegli esserini che abbiamo curato dentro di noi per 9 mesi e che poi abbiamo regalato al mondo. Non saremo mai più le stesse persone, avremo spesso ansie e paure e per quanto fautrici della libertà dei nostri figli tenderemo per sempre al ricongiungimento. Come il mito delle metà (della mezza mela) raccontato da Aristofane nel Simposio di Platone. L’amore romantico del mito è quello che provo per i miei bambini. E mi piace essere così diversa da ciò che ero prima.

Cambiano le abitudini; e anche se i gusti non cambiano si adattano però alle esigenze dei propri bambini.

Ci si scopre meno complicati di ciò che si credeva, si apprezza la semplicità; si ascolta e si ammira la natura ed il suo naturale andamento; si inizia ad amare novembre, il mese bistrattato per eccellenza. Si ama la montagna. Si, ripeto, anche la sottoscritta inizia a guardare con minor sospetto e diffidenza la montagna. Novembre per i bimbi è il mese delle castagne, delle foglie autunnali da raccogliere ed attaccare su un cartoncino (ottima idea per le giornate uggiose!); il mese delle gite e delle passeggiate in montagna. La neve non c’è ancora (almeno dove andiamo noi) e si può stare all’aria aperta.

Come affrontare il mese di novembre con il giusto abbigliamento? Come vestire i bambini per le gite nei boschi o anche solo per una domenica al parchetto? Con capi caldi, morbidi e confortevoli e con colori dalle mille sfumature d’autunno! Il look da montagna è divertente e alla moda e può naturalmente essere replicato anche in città per creare un’atmosfera into the wild.

iDO montagnaiDO montagna iDO montagnaiDO montagna iDO montagna

Niccolò e Edoardo indossano due outfit gemelli firmati iDO, l’ispirazione è la montagna ma soprattutto le mille avventure che ogni giorno viviamo. Il giubbotto è il mio pezzo preferito perché mi ricorda gli anni 80′ e le giacche che indossava mio papà, il classico montone ma ecologico e con rifiniture in ecopelliccia, un vero e proprio capo cult.

Lo abbiamo abbinato ad una t-shirt grigia in cotone girocollo, alla camicia tartan da tenere rigorosamente aperta ed ai pantaloni verde militare con grandi tasche. Un modello comodo anche per la scuola perché non ha i bottoni in vita ma un elastico perfetto anche per i bimbi più magri. iDO ama infatti vestire i bambini (lo slogan è, non a caso, 100% bambini) con la qualità da oltre 40 anni garantita da Miniconf: capi sicuri, duraturi e di qualità.

iDO montagna iDO montagna iDO montagnaiDO montagna

E Bianca Zoe? Lei è come me, alla montagna dice NI. Per lei un total look iDO Mini chiodo e ciuccio per un look molto rock! Proprio in questi giorni si sta esercitando in urla serali in perfetto stile rockstar bella e dannata. Il mini chiodo blu in ecopelle con cerniera trasversale e piccole ruches si abbina al girocollo con scritte ispirate alla città di Londra e alla gonna a ruota (con comodo elastico in vita) con stampa di macro pois su fondo grigio.

iDO montagna iDO montagna iDO montagna iDO montagnaiDO montagna

E voi, quale outfit preferite? Visitate il sito iDO by Miniconf per scoprire l’intera Collezione Autunno-Inverno 2016/17 del brand 100% Made in Italy.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.