Skip to content

A San Valentino ogni regalo vale

Ho festeggiato San Valentino molto poco. Diciamo in corrispondenza del periodo in cui Ambra cantava “Ti giuro amore un amoooore eteeerno se non è amore me ne andrò all’infeeernooo!”. Non ero nemmeno fidanzata ma la mattina di San Valentino trovavo sempre sul banco il classico cuore gonfiabile dello spasimante di turno. Non che fossi particolarmente popolare, ero più secchiona come mood, ma l’aspirante fidanzato sfigato non mancava mai. Sfigato perché si trattava del classico bravo ragazzo studioso che piaceva tanto a mia madre. E che mia madre sponsorizzava (era amica della di lui mamma). Suonava il violino, sempre. Indossava camicia a quadretti e cardigan (e non mi riferisco ad un ragazzo in particolare ma ad una categoria che per anni mi sono ritrovata davanti). Non aveva lo scooter che a quell’età rappresentava il discrimine tra “starci dentro o no”. A me piaceva il tamarro pluriripetente con il Booster nero.

Roba da non crederci se ci penso adesso.

In età adulta ho sempre evitato accuratamente di uscire la sera di San Valentino. Si mangia male, i ristoranti sono affollati di romanticoni e non potrei tollerare di assistere ad una proposta di matrimonio proprio il giorno di San Valentino. Ma se festeggiare equivale a “un’occasione in più all’anno per ricevere un regalo” allora si, festeggerei alla grande. Marito no, lui al massimo mi prepara una busta da lettere con una banconota all’interno “compra quello che vuoi amore”. Quello che voglio con 5 Euro???

Quest’anno non gli chiederò nulla, sono buona, aspetto con ansia il regalo per la nascita di fratella. Ma per voi ecco qualche idea da buttar lì, con assoluta noncuranza subito dopo una pessima notizia “Sai che a scuola c’è un’epidemia di varicella e la borsa che mi piace molto è in saldo?”; “Ti ho già detto che mia madre si trasferirà da noi per qualche tempo e che potresti regalarmi quel vestito carinissimo che ho visto oggi in centro?”.

Le palle dell’ammmore: “Amore stasera ho mal di testa” sarebbe davvero utilissima! Su Buru Buru.

San Valentino

La felpa Eleven Paris. Molto love. Per le amiche single, invece, la t-shirt “50 sfumature di grigio”.

San Valentino

San Valentino

Nel caso in cui siate dotate di compagni/fidanzati/mariti/amici molto generosi (il mio ieri sera ha pure finito le ultime due chiacchiere al cioccolato senza nemmeno chiedere alla moglie incinta di fare a metà, generosità questa sconosciuta; ed infatti, in cambio, la sera di San Valentino gli preparerò broccoli e cavolfiori bolliti), ecco le scarpe e la clutch Sophia Webster. Da urlo.

San Valentino

San Valentino

Siete maniache di Grey’s Anatomy come me?Bene, proprio ieri ho scoperto e letto il libro “Grey’s Pride” di Claudia Riconda (su Kindle a 2,99 Euro). “Grey’s Anatomy ci ha cambiato la vita: ora sappiamo cosa vuole dire clampare l’aorta e siamo perfettamente in grado di fare una tracheotomia per strada, a un uomo schiacciato da un camion, usando la nostra penna Parker. La famiglia di Grey’s Anatomy è ormai la nostra famiglia. Meredith, Cristina, Owen, Derek e tutti gli altri dottori. A loro possiamo perdonare tutto, fughe e tradimenti, diagnosi strampalate e sbagli clamorosi in sala operatoria. Tutto, tranne una cosa: che non esistano nella realtà” (cit.)

Ho riso talmente tanto che sono riuscita a trovare consolazione dall’assenza delle chiacchiere che avrei voluto mangiare.

San Valentino

 

Le Pliage Saint Valentin Longchamp con una piccola spilla da applicare nella casellina corrispondente alla propria frase preferita.

San Valentino

Per chiudere, il mio preferito, il bracciale BeA Legami Preziosi in limited edition per San Valentino, in argento placcato oro. Un brand che adoro e del quale vi ho già parlato!

San Valentino

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.