Skip to content

Sto fuori come un balcone

Allora. E inizio con Allora pure se non si può.
Potrei iniziare pure con “E niente”.
Giorni fa avevo prenotato una visita medica. Dal dott. Pietro B. medico che mi aveva già seguita ma in uno studio privato dove non riceve più.
Un paio d’ore prima dell’appuntamento ho ripreso la mia vecchia cartella clinica e mi sono accorta con stupore che il dott. si chiama Piero B.
Inizio una frenetica ricerca su Internet.
Uno, Piero è del 52; l’altro Pietro è del 49. Lavorano in due diversi ospedali di Milano.
Ma fanno lo stesso identico lavoro. Stessa identica specializzazione.
Secondo me si tratta del classico caso di genitori sadici che hanno messo nomi simili ai figli.
Ho chiamato l’accettazione dell’ospedale del dott. Pietro e ho chiesto se per caso a loro risultasse questo strano caso di quasi omonimia. La tipa mi ha chiesto di descriverle fisicamente il dott. Piero. Le ho detto “Mmm è alto”.
“Ah”
Mi gira la testa. Ho pure fatto delle ricerche presso l’Ordine dei medici di Milano.
La mia amica e collega che ha assistito alla telefonata in cui dicevo “Si, è alto, molto alto, un omone, ma sa, l’ho visto un paio di anni fa…nel frattempo ho avuto due figli, i miei ultimi neuroni li ho persi tra le scanalature del tiralatte, certe cose non le ricordo” mi ha scritto questo messaggio su WhatsApp:

“Sto cercando su Internet come si chiama questa sindrome di cui sei affetta.
Pare sia una normale psicosi.
Con alcuni elementi di dislessia”.

(ecco il volto dell’insanità mentale)
Poi c’è da dire che ho vestito, involontariamente, Trombetti da femmina; ho comprato una salopette Petit Bateau online e non mi sono accorta del taglio slim fit femminile e del fiocchetto sul davanti.
Beh. Era un bimbo molto elegante. Con un capo attillato ma elegante. 
Per solidarietà ho comprato una salopette pure per me, questa, ZARA:
#eciaoproprio sono tornata la me stessa 6enne con la frangetta.
(Ho pure sognato di iscrivermi di nuovo all’ultimo anno del liceo classico nella prospettiva poi, di prendere una seconda laurea. E che il figlio di Fabio Volo in realtà si chiama Gian Filippo)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.