Skip to content

Tena Mum: giorno dopo Pasqua

Questa mattina mi sono svegliata in un tempo lunghissimo. Pasqua si è portata dietro le sue vacanze che ci sono sembrate uno stop anche se vacanze vere non erano. “Non si tornerà a scuola prima di Pasqua” dicevamo noi realisti alla seconda settimana di chiusura delle scuole. E giù di ma figurati, che esagerata! Aspettavamo Pasqua come si aspetta il proprio turno in gelateria. Composti, complici, sorridenti, sulle punte, protesi in avanti per leggere i gusti e avere tempo di organizzarsi, programmatori, dubbiosi, pronti a cambiare idea al traguardo. “Fammi spazio amico che devo guardare come va a finire. C’è pure il fondente al sale rosa?”. Un tempo sospeso con la fine più dolce di tutte a meno che la pallina di gelato non ci crolli rovinosamente addosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.